Dopo Gabriele Lavia, Vinicio Marchioni, Euridice Axen, Roberta Caronia, Paola Minaccioni, Andrea Scanzi, Emanuele Salce, Lucrezia Lante della Rovere, Iaia Forte e Tullio Solenghi, si conclude ‘Tutta scena – Il teatro in camera’, la serie di spettacoli realizzati in esclusiva per TvLoft, con ‘Fuggi la terra e le onde’ di e con Lino Guanciale. Il noto attore abruzzese illustra la profonda linea che c’è tra la ricerca della salvezza e della felicità delineata attraverso la sfida al mare. L’avventura, l’esplorazione e la sfida alle acque sono nel nostro immaginario e nella nostra dimensione metaforica, ma il mare “non è mai stato amico dell’uomo, da Odisseo a noi è stato complice della sua irrequietezza” scriveva Joseph Conrad, di cui Guanciale riproporrà dei brani. A essere rievocato sul palco non sarà solo Conrad, ma anche l’Eneide virgiliana, degli anonimi cronisti arabi fino alla voce più significativa dei nostri tempi, quella dei migranti. Oltre allo spettacolo, sarà disponibile anche un’intervista video all’artista del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Alessandro Ferrucci.

Il progetto, realizzato da Loft Produzioni, a cura autoriale di Giorgia Salari con la collaborazione di Cecilia Pandolfi, vede la direzione artistica di Duccio Forzano, la regia di Matteo Forzano e la direzione della fotografia di Mauro Ricci.

Scopri il cartellone con tutti gli appuntamenti della stagione teatrale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andrea Scanzi dedica L’affondo a Mario Draghi: “Questo governo diventa sempre più leghista e salviniano”

next
Articolo Successivo

Massimo Galli ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Non so su che basi Draghi sostenga che i rischi sono pochi, i numeri dicono altro”

next