Crescono nuovamente i nuovi contagi giornalieri da coronavirus in Italia. Secondo i dati diffusi dal ministero della Salute, sono 16.232 le persone risultate positive ai test nelle ultime 24 ore, circa 2.500 in più rispetto ai 13.884 di ieri. Si alza, anche se leggermente, il numero dei tamponi effettuati: sono infatti 364.804 i test processati, contro gli oltre 350mila di ieri, con il tasso di positività che, così, torna ad aumentare sensibilmente e passa dal 3,8% di ieri al 4,4% di oggi. Nell’ultima giornata si sono registrate anche 360 nuove vittime del Covid.

Nonostante l’incremento dei casi registrati, diminuisce il numero degli attualmente positivi che calano di 3.439 rispetto a ieri e globalmente diventano 472.196. Questo grazie all’alto numero di persone guarite e dimesse che anche oggi sfiora le 20mila, per la precisione 19.125. Numeri, questi, che sono alla base anche del calo di pressione sulle strutture ospedaliere italiane. Scendono infatti di 55 unità i letti occupati in terapia intensiva, con il totale che è oggi di 3.021 pazienti, nonostante le 174 entrate. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 22.094 persone, in calo di 690 in 24 ore. Infine, in isolamento domiciliare si trovano 447.081 persone 2.694 in meno rispetto a ieri.

Se si analizzano i dati a livello locale, si nota che la Lombardia rimane anche oggi la regione più colpita dal virus con 2.509 contagi registrati. Seguono la Campania con 1.912, la Puglia con 1.895, il Piemonte con 1.646 e la Sicilia con 1.412.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Soluzione salina invece del vaccino anti Covid, indagato medico di base a Falconara Marittima

next
Articolo Successivo

“Sul Moby Prince c’era una bomba”: la verità di Onorato 30 anni dopo. Ma dagli orari dopo l’incidente al valore della nave non tutto torna

next