Con la riapertura di caffè, bar, ristoranti, musei, stadi e centri commerciali, Copenaghen e la Danimarca riacquistano una parvenza di normalità. La riapertura è, tuttavia, soggetta a molte condizioni, tra cui in molti casi la presentazione di un “coronapass“, cioè una certificazione che prova l’avvenuta vaccinazione, il test risultato negativo nelle 72 ore precedenti o la guarigione dal virus tra le due e le dodici settimane precedenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, proteste pro Navalny: oltre 400 arresti. Fermate anche la portavoce dell’oppositore e la sua alleata del Fondo anticorruzione

next