La catena di negozi di abbigliamento e bigiotteria Accessorize chiude i suoi 25 negozi in Italia. E licenzia 72 persone, in gran parte donne, impiegate nei punti vendita del marchio inglese. Ventidue commessi rischiano il posto nella sola Milano, che nel 2019 contava su 9 punti vendita tra città e hinterland. Nei mesi scorsi si sono ridotti a quattro (tutti quanti chiusi al momento). Attualmente tutti i dipendenti di Accessorize sono in cassa integrazione.

La notizia arriva dal sindacato Fisascat Cisl che ha potuto vedere l’istanza presentata al Tribunale Fallimentare di Milano da Melite Italia, la società che gestisce i punti vendita nazionali. “Il piano di concordato preventivo presentato al Tribunale – ha detto Massimiliano Genova – prevede la chiusura di tutti i negozi in Italia e il licenziamento di 72 persone. È il colpo di grazia per un marchio molto noto che, però, resterà in vita soprattutto con l’e-commerce e dei piccoli sub-franchising. Di fatto l’azienda ha deciso di scaricare sui dipendenti diretti un trend negativo che durerebbe dagli ultimi tre anni. Questo è inaccettabile”.

Secondo il sindacato “durante l’ultimo incontro, agli inizi dell’anno, l’azienda non aveva fatto cenno ad alcun esubero. È evidente che manca la volontà di verificare congiuntamente soluzioni alternative sia per il risanamento della situazione economica e finanziaria, sia sull’impatto occupazionale. Chiediamo l’immediata convocazione di un tavolo di confronto e la revoca dei licenziamenti”, aggiunge Genova.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salari sotto la soglia di povertà, ma l’azienda leader nella vigilanza privata vuole tagliarli ancora. E può farlo perché è una cooperativa

next
Articolo Successivo

“Nei supermercati ingressi liberi e nessuno segue le regole: rischiamo il contagio e tanti colleghi muoiono. Per non perdere il posto i diritti vanno in secondo piano”

next