A sei mesi dalla sentenza sono arrivate le motivazioni del verdetto su Silvana Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, ormai radiata dalla magistratura, condannata a 8 anni e mezzo per gli ipotizzati affari illeciti nella gestione dei beni confiscati alle cosche. Una gestione che l’accusa aveva definito “un sistema perverso e tentacolare”. Secondo i giudici lìex giudice avrebbe messo in atto una “grave distorsione – per tempi, modalità e protrazione delle condotte – delle funzioni giudiziarie da avere arrecato, oltre che danni patrimoniali ingentissimi all’erario e alle amministrazioni giudiziarie, anche un discredito gravissimo all’amministrazione della giustizia”.

La competenza dell’amministratore giudiziario Gaetano Cappellano Seminara – condannato a 7 anni e mezzo – non viene messa in discussione ma, secondo la ricostruzione del tribunale, passava in secondo piano di fronte al patto corruttivo. Cappellano, scrivono i giudici, otteneva gli incarichi perché così avrebbe ricambiato il favore alla Saguto che – sottolineano i giudici – aveva problemi finanziari : “Le risultanze delle indagini preliminari hanno dimostrato – si legge nelle motivazioni della sentenza – come la principale fonte di reddito di Lorenzo Caramma (ingegnere e marito di Saguto) negli anni dal 2006 e sei al 2015 siano proprio i compensi corrisposti da Cappellano Seminara quale libero professionista e quale amministratore giudiziario”. In un altro passaggio si legge: “Seminara non riceveva lucrosi incarichi dalla Saguto per le sue indiscusse capacità professionali quanto invece perché lo stesso poteva ricambiare attraverso il conferimento di incarichi al marito e attraverso le dazioni di utilità indebite”.

La sentenza ha riguardato anche il marito di Saguto, Lorenzo Caramma. condannato a 6 anni e 10 mesi. Nelle motivazioni i giudici di Caltanissetta elencano anche le conversazioni telefoniche ed ambientali sulle “difficoltà economiche vissute dalla famiglia Saguto-Caramma e alle richieste di denaro, più o meno esplicite, formulate da Saguto all’indirizzo di Cappellano Seminara, “Non può revocarsi in dubbio, quindi – dicono i giudici – che nelle conversazioni l’allusione al fatto che dovesse arrivare qualcosa conteneva il riferimento al denaro”. E fanno riferimento a un altro dialogo, stavolta con Cappellano, l’8 giugno 2015, nel quale la Saguto “aveva esplicitamente richiesto a Cappellano di capitalizzare”. Secondo i giudici i soldi, nelle conversazioni, erano indicati come “documenti”.

Il Tribunale non aveva riconosciuto l’associazione a delinquere e nelle motivazioni scrivono le ragioni. Quello messo in piedi dall’allora giudice era un “sistema”, ma non un’associazione a delinquere perché “i reati sono stati commessi ciascuno in adesione ad un patto corruttivo, di scambio di reciproche utilità tra i concorrenti senza che mai si possa individuare l’appartenenza a un gruppo stabile e duraturo”. Sull’associazione a delinquere, dunque il tribunale non ha accolto la ricostruzione della Procura, rappresentata in aula dai pm Claudia Pasciuti e Maurizio Bonaccorso. “Ciò che manca nel caso di specie – si legge nelle motivazioni – è l’accertamento dell’esistenza di una struttura organizzativa idonea a realizzare gli obiettivi criminosi presi di mira. Nel caso di specie i pretesi reati fine o scopo dell’associazione hanno la caratteristica di essere commessi ciascuno di essi in adesione a un patto corruttivo di scambio di reciproche utilità tra i concorrenti, senza che mai si possa individuare l’appartenenza ad un gruppo stabile e strutturato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ergastolo ostativo, il danno è fatto: per me questa sentenza è una vergogna

next