“Mi pare fantastico il fatto che siamo riusciti a vaccinare, entro la scadenza, tutti i gruppi da 1 a 9. Ora 32 milioni di persone hanno ricevuto la loro prima dose. Ora tocca ai cittadini dai 45 ai 49 anni”. Così il primo ministro britannico, Boris Johnson, intervistato dopo gli incoraggianti dati della pandemia nel Regno Unito. “È molto che tutti capiscano come la riduzione di questi numeri di ricoveri, decessi e infezioni non sia stata raggiunta dal programma di vaccinazione. Le persone non capiscono che è stato il lockdown a fornire questo miglioramento della curva dei contagi”, ha spiegato il premier britannico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cuba, dopo più di 50 anni finisce l’era Castro: Raul, fratello di Fidel, lascia la guida del Partito comunista

next
Articolo Successivo

Assalto a Capitol Hill, il momento in cui un uomo piazza delle bombe vicino al Congresso Usa: è ricercato dall’Fbi – Video

next