Circa trecento lavoratori di Alitalia, tra operai, impiegati e hostess, hanno sfilato in corteo in strada, davanti al Terminal 3 dell’aeroporto di Fiumicino. I lavoratori si sono poi radunati nell’area tecnica, distante oltre un chilometro dalle aerostazioni, dove risiede la sede Alitalia. Qui, davanti a una palazzina della compagnia, hanno preso la parola alcuni sindacalisti della Cub Trasporti e Usb. “Quello che sta accadendo è davvero una vergogna incredibile – ha detto il sindacalista Antonio Amoroso parlando con l’altoparlante ai circa 300 lavoratori presenti – ma è quello che ci aspettavamo che il governo Draghi avrebbe fatto. Draghi non è venuto a salvare l’Italia. Tutti i governi che si sono succeduti in questi anni, a prescindere dal ‘colorè conoscevano molto bene la situazione della compagnia. Esiste la possibilità per Alitalia e per questo Paese di riconsegnare gli Asset allo Stato e ragionare, superata la crisi economica, per un vero rilancio della compagnia di bandiera”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, gli ambulanti in protesta contro le restrizioni del governo: “Non ce la facciamo più, siamo alla fame”

next