Il vento è la sua linfa vitale, il mare gli trasmette energia al punto che, dopo l’arrivo della tempesta chiamata Covid-19, ha pensato per un attimo di fare i bagagli e di imbarcarsi per un giro del mondo permanente. “A bordo con tutta la famiglia? Si, ci ho pure pensato, ma non era fattibile, perché i figli vanno a scuola e mia moglie non sarebbe mai venuta in barca. Navigare per mesi non è un gioco da ragazzi…”.

Giovanni Soldini in solitario e non ha attraversato gli oceani, ha polverizzato record, superato limiti e, ai tempi del Coronavirus, ha progettato una primavera all’insegna di nuove sfide. “Beh, visto che non si regata, proviamo a fare altro – racconta all’Ansa -. Abbiamo suddiviso la stagione in due parti, l’unica cosa certa e’ il trimarano Maserati. La situazione è un po’ strana, ma abbiamo deciso di dedicare questi mesi a nuovi primati: dopo la Montecarlo-Porto Cervo punterò al record di attraversamento del Canale della Manica: sarà un’impresa difficile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jannik Sinner, il sogno master 1000 è rinviato: a Miami cede in due set a Hurkacz. Ma continua la crescita nel ranking mondiale

next