La Direzione dell’Ispettorato del Lavoro di Milano-Lodi ha respinto i ricorsi gerarchici presentati nelle scorse settimane dalle piattaforme di delivery finite al centro dell’inchiesta ‘pilota’ della Procura di Milano sulle condizioni di lavoro e di sicurezza dei rider. Glovo-Foodinho, Just Eat, Uber e Deliveroo avevano contestato i verbali amministrativi notificati dall’Ispettorato nei quali era stato indicato che le posizioni di oltre 60mila ciclofattorini in totale vanno regolarizzate, da lavoratori autonomi a “coordinati e continuativi”, con tutte le garanzie dei subordinati.

Con le ispezioni, si legge nel provvedimento, è stata “correttamente” disposta “la corresponsione ai lavoratori per tutto il periodo lavorato in relazione alle mansioni effettivamente svolte così per come accertate, le retribuzioni previste” dal contratto collettivo nazionale della logistica e del trasporto merci. Contratto che nel frattempo Just Eat ha accettato di applicare a 4mila ciclofattorini.

Si ribadisce nella decisione che i rider, per le loro mansioni, sono lavoratori “eterodiretti“, e non collaboratori occasionali, e dunque i ricorsi sono stati dichiarati “palesemente” infondati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riders, ecco perché l’accordo con Just Eat è solo il primo passo nel riconoscimento dei diritti

next
Articolo Successivo

La Elica di Fabriano delocalizza in Polonia: 400 esuberi. I sindacati contro Giorgetti: “Assoluta indifferenza su vicende industriali”

next