Uno strumento per promuovere la rigenerazione del (datato) patrimonio immobiliare italiano, migliorandone efficienza energetica e riducendone i consumi. Un’occasione interessante per moltissimi proprietari di casa, come spiegato in una recente guida del Blog di Immobiliare.it. E ora anche un ritorno positivo per le casse pubbliche. Si tratta del Superbonus al 110%, che da poco è stato oggetto di una analisi di Luiss Business School e Openeconomics dai risultati sorprendenti e più che positivi, soprattutto per i conti dello Stato.

Le stime sul Superbonus al 110%

Partiamo dalla fine: secondo lo studio, la maxi-detrazione fiscale farebbe fluire nelle casse pubbliche un saldo attivo pari a 811 milioni di euro. Ecco come è stato calcolato.

Le previsioni più “sicure” sono quelle che riguardano il triennio 2020-2022, per il quale si considera un investimento edilizio di 8,75 miliardi e sui quali si calcola poi un valore aggiunto del Paese di 16,64 miliardi, ai quali sommare ulteriori 1,91 miliardi derivanti dall’effetto prodotto nell’economia sommersa. Poi le stime più “difficili”, quelle a lungo termine: nei successivi otto anni si è calcolato un incremento di valore aggiunto di 13,71 miliardi e di 1,35 di economia sommersa.

Una volta individuato il valore aggiunto, su questo è stato calcolato l’incremento di gettito delle imposte, a compensazione della riduzione che deriva invece dalle detrazioni e con saldo positivo appunto di 811 milioni.

Proroga più vicina?

Lo studio di Luiss Business School e Openeconomics ha sicuramente dato più forza alla voce di Riccardo Fraccaro, ideatore del Superbonus, che spera in una proroga della misura fiscale.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Approvato anche per il 2021 il Bonus Verde

next
Articolo Successivo

Bitcoin: è corsa anche verso il mercato immobiliare?

next