Si è recata dopo le 18 in un supermercato di Collepasso, in provincia di Lecce, ma le è stato vietato di acquistare due pacchi di assorbenti perché non sono considerati “beni di prima necessità”. A denunciarlo con un post su Facebook con tanto di foto è stata una studentessa 22enne, Alessia Ria. Il cartello posto sullo scaffale informava la clientela del divieto di acquisto di quel tipo di prodotti. “Siamo arrivati all’assurdo”, scrive. “Non solo sono considerati ‘beni di lusso’, non solo paghiamo il 22% di Iva, ma adesso devo anche privarmi di un qualcosa di cui io e miliardi di donne abbiamo bisogno ogni mese. Che facciamo, per questa zona rossa non facciamo venire la Mestruazione? Sono senza parole”.

SIAMO ARRIVATI ALL’ASSURDO!
Questa sera sono andata a comprare due pacchi di assorbenti ma mi è stato vietato perché…

Pubblicato da Alessia Ria su Martedì 30 marzo 2021

L’ordinanza emessa venerdì scorso dal presidente della Regione Puglia, recita così: “Con decorrenza dal 27 marzo e sino al 6 aprile 2021, tutte le attività commerciali consentite dal Dpcm del 2 marzo 2021 in zona rossa (articolo 45), chiudono alle ore 18,00, ad eccezione delle attività di vendita di generi alimentari, di carburante per autotrazione, di combustibile per uso domestico e per riscaldamento, delle edicole, dei tabaccai, delle farmacie e delle parafarmacie”. Dopo la denuncia della studentessa, come riporta il Nuovo Quotidiano di Puglia, la Regione ha inserito nelle Faq dell’ordinanza una precisazione: “Agli esercizi di vendita di generi alimentari che non sono tenuti all’obbligo di chiusura alle 18, è consentita la vendita di assorbenti, data la loro specifica funzione, entro l’orario della chiusura ordinaria”.

La denuncia di Alessia Ria è stata ripresa da vari quotidiani. E sempre su Facebook, nelle scorse ore, ha spiegato: “Sono una semplice ragazza di 22 anni che nel suo piccolo vi chiede di non stare in silenzio, di parlare sempre e cercare aiuto quando serve. Due giorni fa mi sono sentita in imbarazzo, mi sono sentita privata di un qualcosa che ho e non posso fare a meno di avere. Mi dispiace che per alcune donne questo sia una stupidaggine ma credo che nel 2021 viviamo ancora in ‘un mondo troppo asessuato, dove l’unico sesso a prevalere sia quello maschile’, come diceva Carla Lonzi“. Infine ha precisato: “Non ho nulla contro tutte le persone che lavorano nei supermercati, anzi, non è giusto che ancora dopo un anno di pandemia le persone debbano privarsi ancora del loro lavoro”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti in Bosnia, l’appello della Caritas: “Focolai di Covid nei campi profughi, le condizioni igieniche sono drammatiche”

next
Articolo Successivo

Giornata autismo, la solitudine delle famiglie aggravata dal Covid: “Le istituzioni siano più sensibili. Vaccini? Ritardi e disparità inaccettabili”

next