Alessandro Amenta, 49enne, e il figlio, Antonino, 26enne, entrambi originari di Siracusa sono stati arrestati nei pressi del distretto di Stoccarda in Germania. I due erano ricercati dallo scorso novembre in quanto ritenuti responsabili, insieme ad altri, di furto aggravato, continuato e utilizzo indebito di carte di credito. Nelle scorse settimane è stato accertato dalle forze dell’ordine che i due, con precedenti penali a carico, erano responsabili di una serie di furti di autovetture nel territorio della Piana di Gioia Tauro. Padre e figlio rubavano anche denaro e carte di pagamento alle vittime, che utilizzavano poi per prelievi in contanti e acquisti di costosi dispositivi informatici. Transazioni molto esose che causavano un importante danno economico ai titolari dei conti.

Il lavoro dei Carabinieri della Compagnia di Taurianova ha permesso in breve tempo di individuare il domicilio dei due ricercati, nascosti in piccolo paese nei pressi di Stoccarda, in Germania. Quando i militari hanno localizzato i fuggitivi, è stato possibile chiedere al Tribunale di Palmi di emettere un Mandato di Arresto Europeo. Il fermo per entrambi è stato effettuato dalle autorità tedesche, ora in attesa della definizione della procedura di estradizione. Al rientro in Italia per Alessandro e Antonino Amenta ci sarà la reclusione in carcere, in attesa del processo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Locatelli: “Misure stanno funzionando, mantenerle”. Sileri a Salvini: “Per riaprire aspettare maggio”

next