Si è concluso l’intervento della Ong Open Arms che questa mattina, su segnalazione di Alarm Phone, contatto di emergenza per le operazioni di salvataggio, era intervenuta in sostegno di un imbarcazione in difficoltà con a bordo 36 persone, tra cui 7 donne e 15 bambini, due dei quali molto piccoli. La nave ha soccorso i migranti che si trovavano in difficoltà in zona Sar maltese nel Mediterraneo centrale, Alarm Phone aveva denunciato su Twitter: “Abbiamo informato tutte le autorità con la posizione Gps, ma Malta non risponde al telefono e l’Italia non si assume la responsabilità. La barca perde e le persone sono in preda al panico. Non lasciarli annegare”.

Poche ore fa un nuovo tweet di richiesta di aiuto è arrivato dalla stessa organizzazione. “Abbiamo ricevuto una chiamata da un’altra barca con 122 persone. Sono in grave pericolo a largo della Libia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, “situazione critica negli ospedali di Bari, Lecce e Taranto”: in Puglia più di 2mila ricoverati, pazienti trasferiti in altre province

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 23.839 nuovi casi e 380 morti. L’incidenza al 6,7% e aumentano i ricoverati

next