Con una percentuale di votanti tra le più basse degli ultimi anni, dagli exit poll diffusi emerge che Israele potrebbe essere di nuovo senza una maggioranza chiara dopo il quarto ritorno alle urne in 24 mesi. Il Likud del premier Benyamin Netanyahu resta il primo partito con 33 seggi. Al secondo posto il centrista Yair Lapid, secondo le proiezioni dei sondaggi, con 16 seggi, mentre il suo ex alleato Benny Gantz avrebbe conquistato 8 seggi.

Sommando i seggi del fronte anti-Netanyahu – secondo i dati di Canale 13 – si raggiungere quota 59 raggiunge due in meno dei 61 necessari per la maggioranza alla Knesset. L’outsider di destra Naftali Bennett agguanta 7 seggi e potrebbe essere l’ago della bilancia di queste elezioni: “Farò il bene di Israele” ha detto Bennett commentando questi primi risultati. Un suo collaboratore, citato dalla radio dei coloni Canale 7, ha aggiunto che Bennett “è determinato a condurre Israele fuori dal caos politico” che ha causato quattro tornate elettorali negli ultimi due anni.

Israele, che ha sta portando una campagna vaccinale efficace e veloce, ha allestito seggi destinati ai malati di Covid e alle persone in quarantena. A metà pomeriggio, i dati segnalavano che solo 1.200 malati su 6.700 avevano votato. Sono stati allestiti anche seggi in aeroporto destinati agli israeliani in arrivo che vogliono votare prima di andare in quarantena a casa, secondo le disposizioni in atto. Solo chi è vaccinato e per questo non è costretto alla quarantena può votare secondo le procedure usuali.

Il giorno delle elezioni è stato caratterizzato da una forte drammatizzazione, soprattutto da parte delle formazioni di centro. “È il momento della verità – ha dichiarato il centrista Yair Lapid, maggior avversario di Netanyahu -. Ci sono solo due opzioni: o un nostro governo o un governo oscurantista, pericoloso, razzista e omofobo che prenderà i soldi da chi lavora per darli a chi non lavora”. Stesso tono anche da parte di Benny Gantz: “Andate a votare e scegliete Blu Bianco – ha detto l’attuale ministro della Difesa – perché altrimenti una quinta tornata di voto potrebbe non avere luogo. Avremo un nuovo tipo di governo“.

Il premier in carica festeggia: “È stata una vittoria gigantesca per la destra e per il Likud. È chiaro che una netta maggioranza dei cittadini di Israele è di destra e vuole un governo di destra. E questo è quello che faremo. Ai cittadini di Israele – ha dichiarato Netanyahu – dico grazie, mi avete un dato un grande successo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage in Colorado, bandiere a mezz’asta alla Casa Bianca. Biden: “Il Congresso agisca contro le armi d’assalto”

next
Articolo Successivo

Cina, “le censure degli Istituti Confucio: Taiwan, Ti­bet e Tienanmen fuori da qualsiasi dibattito”

next