Exor entra nel capitale del celebre produttore di scarpe Christian Louboutin. La holding europea della famiglia Agnelli ha annunciato una partnership con la società per accelerare la fase successiva del sviluppo di Louboutin in base al quale Exor investirà 541 milioni di euro per diventare azionista del 24% e insieme ai fondatori e nominerà 2 dei 7 membri del consiglio di amministrazione della società.

Fondata nel 1991, Christian Louboutin è diventato uno dei nomi di spicco del lusso globale, famoso nel mondo per le sue iconiche scarpe da donna con suola rossa e riconosciuto anche per aver diversificato la propria attività in calzature da uomo, pelletteria e accessori e bellezza. Louboutin ha una vasta presenza internazionale al dettaglio attraverso circa 150 negozi al dettaglio gestiti direttamente situati in 30 Paesi, una rete mondiale di relazioni all’ingrosso premium e ha sviluppato rapidamente l’e-commerce.

E adesso punta a un’ulteriore espansione geografica, in particolare in Cina. Commentando la partnership di Exor con Christian Louboutin, John Elkann, presidente e amministratore delegato, ha dichiarato che con la maison di cui entrerà a far parte il suo gruppo “condividiamo lo stesso spirito di famiglia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery plan, ministro Franco: “Rafforzare strutture tecniche della pa per accelerare. Risorse disponibili alla fine dell’estate”

next
Articolo Successivo

Recovery, Brunetta: “Modificare reclutamento nella pa. Percorsi ad hoc per gli specialisti che attueranno gli investimenti del Piano”

next