Una lunga diretta di circa mezz’ora (dalla pagina facebook Fornazzo, “Villaggio Ideale d’Italia”) testimonia la portata del fenomeno: una pioggia incessante di lapilli di grosse dimensioni che si frantumano a terra coprendo ogni superficie di una spessa coltre nera. L’attività eruttiva dell’Etna, complici i forti venti in alta quota, hanno spinto la cenere e spesso vere e proprie pietre, verso est, colpendo il territorio di Giarre. Il video è stato girato a Fornazzo, località alle pendici del vulcano.

Intanto il governo regionale della Sicilia ha dichiarato lo stato di crisi regionale e chiederà a Roma lo stato di emergenza per le decine di Comuni raggiunti dalla cenere dell’Etna. Lo ha annunciato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo un incontro con il capo della Protezione civile regionale.

La fontana di lava e la ricaduta piroclastica sui Comuni del versante est di domenica mattina, in particolare Sant’Alfio, Giarre e Mascali, ha reso la situazione ancora più critica. Il presidente Musumeci ha annunciato una prima erogazione di un milione di euro a favore dei Comuni colpiti e l’avvio delle procedure per l’acquisto di ulteriori mezzi idonei alla asportazione della cenere, da tenere a disposizione dei sindaci in caso di necessità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Speranza: “La curva crescerà e altre Regioni verso la zona rossa”. Di Maio: “Servono misure più rigide, lo chiede il Cts”

next
Articolo Successivo

“L’emergenza continua, fatica e stanchezza di sentono. Non abbassare la guardia”: l’appello dell’equipe di Terapia intensiva di Piacenza

next