Continuano le proteste in Birmania dopo il colpo di Stato militare dell’1 di febbraio. Le forze di sicurezza segnano l’inizio del secondo mese di proteste nel Paese sparando proiettili di gomma e gas lacrimogeni contro i manifestanti. È il secondo giorno di una violenta repressione dei manifestanti nella più grande città del Myanmar, Yangon. Intanto, in collegamento video, Aung San Suu Kyi è apparsa davanti al tribunale per la prima volta dal colpo di stato militare che un mese fa ha innescato le proteste.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Francia, Sarkozy condannato a tre anni per corruzione e traffico d’influenze

next