Maltrattamenti, ingiurie, vessazioni e minacce di morte alla compagna, andati avanti per oltre sette anni. Un uomo di 46 anni è stato arrestato a Palermo con l’accusa di atti persecutori: già in passato era stato condannato per diversi reati, tra cui anche quello per maltrattamenti nei confronti di un’altra donna.

La compagna si è presentata insieme ai figli minorenni al commissariato Zisa Borgo Nuovo ed è riuscita a denunciare dopo aver ricevuto l’ennesima minaccia: “Ti faccio fare la fine di Piera Napoli“, le ha urlato il compagno, secondo quanto ricostruito, rievocando la cantante neo melodica palermitana uccisa a coltellate il 7 febbraio scorso. “A furia di maltrattamenti e minacce”, hanno riferito gli investigatori, “il compagno aveva gradualmente prosciugato energie mentali e autostima della donna, incapace non soltanto di denunciare ma anche di reagire alle mortificazioni subite“.

Nei confronti del 46enne è scattato il codice rosso. “Grazie alla legge, che permette interventi più rapidi nei casi di violenza su donne e minori, il giudice ha immediatamente disposto gli arresti in carcere per l’uomo”, hanno commentato i parlamentari M5s del gruppo Pari Opportunità. “E’ proprio questo l’effetto che volevamo si innescasse, ovvero quello di non far sentire nessuna vittima di violenza domestica abbandonata a se stessa. Lo Stato c’è ed è al fianco di tutte le donne e di tutte le persone che subiscono abusi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afragola, cadavere semicarbonizzato ritrovato dentro un’auto data alle fiamme nel parcheggio di un supermercato

next