Sono arrivate a San Marino ieri, martedì 23 febbraio, le prime 7500 dosi del vaccino anti-Covid russo Sputnik. Partite da Mosca con un volo internazionale atterrato a Milano, le fiale sono state poi scortate dalle Forze dell’Ordine sammarinesi e consegnate al Centro farmaceutico dell’ospedale di Stato, dove saranno conservate in attesa dell’utilizzo. San Marino è in attesa anche di dosi di Pfizer e Astrazeneca. Il piano vaccinale sammarinese – come confermano dall’Iss – è pronto da tempo: giovedì è prevista una prima comunicazione ufficiale delle autorità sanitarie che verosimilmente confermeranno l’avvio delle operazioni vaccinali ad iniziare dal personale sanitario.

Non poche polemiche hanno preceduto l’acquisto di vaccini dalla Russia alla quale la Repubblica del Titano è dovuta ricorrere a causa del mancato invio di dosi dall’Italia. Tra San Marino e Roma però c’è ancora in vigore un accordo per cui a San Marino sarebbero destinate 1 dose ogni 1.700 arrivate in Italia. Per il momento però i sammarinesi possono contare solo sullo Sputnik perché come sostenuto dal segretario di Stato per la Salute Roberto Ciavatta, “al momento è impossibile trovare nel mercato ufficiale vaccini che siano già approvati dall’Ema, al di fuori del canale con la Commissione europea. La notizia che San Marino si sarebbe approvvigionato in maniera indipendente da Mosca, qualche giorno fa aveva destato la preoccupazione nella confinante Romagna. Lo stesso assessore regionale emiliano-romagnolo alla Salute, Raffaele Donini aveva ricordato che “il vaccino russo non ha ottenuto alcuna validazione da Aifa e quindi per noi, in questa fase, non può rappresentare un vaccino somministrabile”.

Il timore era quello di un esodo in massa di emiliano-romagnoli per acquistare lo Sputinik. Pericolo però immotivato “perché il vaccino a San Marino, lo potranno fare solo i sammarinesi”, aveva spiegato il Congresso di Stato consapevole di avere ora in casa un bene prezioso sul mercato internazionale. Le operazioni di consegna di questa prima partita di vaccini russi ha quindi seguito un protocollo rigidissimo, di sicurezza e riservatezza. Doppia scorta, privata e della Gendarmeria, per l’arrivo dello Sputinik a San Marino sono stati tenuti lontano anche i fotografi dei quotidiani locali, mentre è stata fissata per giovedì una conferenza stampa del Governo e dell’Iss sull’avvio della campagna vaccinale. Nei giorni scorsi, il Russian Direct Investment Fund, il fondo sovrano russo, aveva annunciato come la Repubblica di San Marino fosse il trentesimo Paese nel mondo ad aver approvato, attraverso una procedura di autorizzazione all’uso di emergenza, il vaccino anti-Covid messo a punto in Russia.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il bianco attacca il nero” . “Contenuti razzisti”, così YouTube sospende il canale di uno scacchista

next
Articolo Successivo

Vaccini Veneto, le 27 milioni di dosi trovate da Zaia? Un intermediario si è dileguato, l’altro non ha ancora fornito il numero di lotto

next