Trasformare l’emergenza Covid-19 in un’opportunità per tamponarne un’altra: quella del freddo. La comunità di Sant’Egidio ha rilanciato l’appello agli alberghi vuoti o chiusi per il calo dei turisti affinché aprano le loro stanze ai senza fissa dimora. Una chiamata indirizzata anche alle istituzioni e alle persone che possiedono delle seconde case o Airbnb. “Aprite a chi ne ha più bisogno, contattateci. Sceglieremo gli ospiti e saremo disponibili a intervenire, qualora fosse necessario. Le cifre che possono essere corrisposte per il servizio di alloggio variano da persona a persona, ma siamo pronti a trovare un accordo”, dice al Ilfattoquotidiano.it il coordinatore delle cene itineranti di Sant’Egidio, Massimiliano Signifredi. Il numero da chiamare per aiutare la Comunità in questo progetto è 06/4292929, mentre per conoscere gli indirizzi di raccolta per l’emergenza freddo, Sant’Egidio ha pubblicato una lista completa dei punti sparsi su tutto il territorio nazionale sul suo sito, dove è possibile trovare anche un link per le donazioni.

Tra i primi ad aderire all’appello c’è Diego D’Amario, proprietario dell’hotel Marco Polo, in via Magenta, a due passi dalla stazione di Roma Termini: “Ho deciso di collaborare con Sant’Egidio già dal primo lockdown” – racconta al Fatto.it – “Avendo tutto questo spazio a disposizione, ho pensato che piuttosto che chiudere avrei potuto aiutare qualcuno”. “Per il servizio vengo pagato, ma la cifra è variabile: dipende dalla disponibilità della persona. C’è chi prende la pensione minima, chi il reddito di cittadinanza, chi invece non ha niente e viene quindi sostenuto dalla comunità e dai volontari. Le spese le copro bene, anche perché ho la maggior parte dei dipendenti in cassa integrazione“. Gli ospiti delle camere dell’hotel Marco Polo non sono solo i senza fissa dimora:”Ho circa dieci clienti, ma nei mesi sono cambiati perché spesso hanno trovato altre sistemazioni. In alcuni casi si tratta di persone in difficoltà anche a causa dell’emergenza. C’è una mamma con i figli che non riusciva più a sostenere le spese dell’affitto di casa ed era per la strada. In un’altra stanza una ragazza di 18 anni che è appena uscita dalla casa famiglia”.

L’appello che Sant’Egidio lancia è rivolto a tutta Italia, ma, come ci racconta il volontario Signifredi “l’emergenza è soprattutto a Roma. Dall’inizio di novembre sono morte in strada, solo nella capitale, 12 senza fissa dimora. Tra questi, Mario, 58 anni, il 6 gennaio, nei pressi della stazione Termini, proprio davanti a un albergo chiuso per l’emergenza Covid”. Il problema di garantire un tetto a chi non ce l’ha quest’anno arriva nel cuore della crisi sanitaria dovuta al coronavirus: gli spazi che un tempo ospitavano i senza tetto, adesso possono accoglierne un numero molto inferiore a causa del distanziamento necessario a prevenire il contagio. “Le persone muoiono per strada: è un’emergenza”, continua Signifredi, “abbiamo chiesto al Prefetto e all’amministrazione di mettere a disposizione alcune palestre comunali, caserme, edifici chiusi, che potrebbero essere utilizzati. Il punto è trovare più spazi. Ad esempio, se per dare alloggio ai senza tetto i proprietari avessero un indennizzo sarebbe tutto più rapido”.

Dei 3mila senza fissa dimora che dormono per strada a Roma, come spiega Signifredi “la nostra comunità riesce a ospitare 200 persone”. Per gli alloggi, tanti i posti recuperati “da una scuola dismessa nel quartiere Eur-Laurentino, un locale su via Ostiense dove ospitiamo 15 persone, una palestra nel quartiere Tuscolano, alle chiese di San Callisto e del Buon Pastore a Trastevere”. Ma anche spazi trovati grazie alla solidarietà di tanti cittadini, tra cui “albergatori e privati che hanno donato la loro seconda casa o messo a disposizione i propri hotel e che concorrono con noi nel percorso di ‘accompagnamento alla casa’ rivolto a chi l’ha persa e vive in totale confusione”.

“Le persone finiscono per la strada per tanti motivi, ma principalmente perché perdono il lavoro. E da questo, a valanga, arrivano una serie di problemi da affrontare. Dopo aver trovato loro un tetto, infatti, il passo successivo è aiutarli a trovare un impiego: alcuni sono stati inseriti come badanti o come addetti alle pulizie”, spiega Signifredi di Sant’Egidio. “Quest’anno il problema del distanziamento lo abbiamo risolto mettendo dei pannelli che separano gli ambienti, creando in sostanza delle piccole unità per ogni ospite. Ma i posti, a causa delle norme anti-Covid, sono inevitabilmente diminuiti. Quindi, rinnova Sant’Egidio: “Dateci una mano e apriteci la porta”.

(In foto: la scultura Homeless Jesus di Timothy Schmalz in piazza Sant’Egidio a Roma)

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uno Stato evoluto e democratico tutela il diritto all’aborto. E parlo dell’Italia, non della Polonia

next
Articolo Successivo

Nel bar gestito da persone sorde dove si ordina con il linguaggio dei segni: “Qui sono gli udenti ad adattarsi a noi”. I titolari premiati da Mattarella

next