Il 2020 doveva essere l’anno della “crisi” delle grandi città, eppure lo scenario degli ultimi sei mesi si rivela diverso e più complesso. In media, le abitazioni nei maggiori capoluoghi del Paese costano il doppio, e in alcuni casi addirittura il triplo, rispetto a quelle delle altre province della stessa regione. Lo dimostrano molto chiaramente i numeri riportati nell’ultimo report dell’Ufficio Studi di Immobiliare.it. Vediamoli nel dettaglio.

I prezzi delle case nelle grandi città continuano a crescere

Nonostante il richiamo della natura che moltissimi italiani (e non solo) hanno avvertito, il 2020 si è chiuso con un incremento dei prezzi dello 0,9% al metro quadro per i centri con più di 250mila abitanti. Al contrario, quelli con una popolazione inferiore a questa soglia hanno registrato una lieve flessione, pari al -0,2%. Il risultato è che adesso chi cerca un trilocale di 75 mq può spendere circa 98mila euro oppure 193mila, a seconda che lo desideri in una grande metropoli o, invece in una città di dimensioni più contenute. Una differenza non certo da poco.

Milano e Roma i casi più emblematici

Lo scenario è molto simile in tutta Italia, ma il gap maggiore si registra nel Lazio e in Lombardia. A Roma servono in media 3.265 euro al metro quadro per comprare una casa, mentre a Latina ne bastano praticamente la metà, cioè 1.730 euro, e negli altri capoluoghi di provincia addirittura un terzo, o quasi: 1.260 euro a Viterbo, 1.233 euro a Frosinone e 1.140 euro a Rieti. Per non parlare poi di Milano, che nel 2020 ha visto salire i prezzi del 9,2%: un incremento stupefacente tenendo conto della diffusione dello smart working e del ricorso alla didattica a distanza nelle università. Il risultato? Il mattone meneghino vale in media quasi 3.800 euro al metro quadro contro i 1.237 euro di città più piccole come Cremona. Leggermente meno accentuate le differenze di prezzo nel Sud, ma comunque evidenti. Se prendiamo in esame la Sicilia, per esempio, notiamo che i valori medi di Palermo si attestano su 1.309 euro al metro quadro contro i 750 di Caltanissetta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Investimenti immobiliari: addio a monolocali e bilocali?

next