Il Covid-19 ha messo in discussione una delle nostre maggiori certezze: il mattone. Come riportato anche sul Blog di Immobiliare.it, infatti, nel 2020 si sono bloccati gli affitti brevi e anche l’acquisto di piccoli appartamenti da mettere a reddito ha subito un brusco calo, specialmente nelle località turistiche e nelle grandi città. Che cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi mesi?

Il momento delle occasioni

La domanda di mono e bilocali da affittare è sempre stata così elevata che moltissime persone hanno deciso di investire i propri risparmi in appartamenti di piccole (spesso piccolissime) metrature. Del resto, tra turisti e studenti universitari fuori sede non c’era il rischio che rimanessero vuoti troppo a lungo. Poi è scoppiata l’emergenza sanitaria e i cartelli “affittasi” hanno cominciato a moltiplicarsi persino in città richiestissime come Milano. Il primo risultato di questo surplus nell’offerta è stato che gli investimenti sono crollati, passando dal 15% del totale a quasi zero; il secondo è che sul mercato si trovano ottime occasioni: chi aveva acquistato ricorrendo a un mutuo e contando sulle entrate della locazione, infatti, in molti casi non è riuscito a pagare le rate ed è stato costretto a vendere con urgenza l’immobile, nonostante i tassi ai minimi storici.

Gli esperti concordano sulla ripresa

Grazie all’arrivo del vaccino, secondo gli esperti la ripresa non tarderà ad arrivare: probabilmente già nel 2021 si vedrà un graduale aumento degli investimenti, che torneranno presto a viaggiare su cifre simili a quelle del pre-Covid. Per quanto riguarda i prezzi, invece, serpeggia qualche dubbio in più: alcuni sostengono che le piccole case usate da affittare perderanno valore; altri invece non lo ritengono probabile, almeno nei centri maggiori quali Milano.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tasse e imposte: quali si applicano sull’acquisto della prima casa

next
Articolo Successivo

Grandi metropoli vs piccole città: le differenze di prezzo

next