Ghislaine Maxwell, la donna accusata di essere la complice dell’ex finanziere pedofilo Jeffery Epstein, è stata “fisicamente abusata” da un agente penitenziario nel carcere di New York in cui è reclusa. A denunciare quanto accaduto è il suo avvocato, Bobbi Sternheim, che ha scritto in una lettera a un giudice federale di Manhattan che la violenza è avvenuta di recente al Metropolitan Detention Center mentre la donna stava ricevendo una perquisizione nella sua cella di isolamento.

“Quando la signora Maxwell si è ritratta dal dolore e ha detto che avrebbe denunciato il maltrattamento, è stata minacciata di un’azione disciplinare“, ha detto Sternheim, sottolineando anche le condizioni in cui verserebbe Ghislaine Maxwell. Secondo il legale infatti, viene ripetutamente punita per le sue rimostranze e lamentele: “Sta appassendo, è il guscio di se stessa. Perde peso, perde i capelli e perde la sua capacità di concentrazione”, ha scritto ancora Sternheim al giudice. Ghislaine Maxwell, 59 anni, si è dichiarata non colpevole nel processo in cui è stata incriminata nel luglio 2020, un anno dopo l’arresto di Epstein con l’accusa di traffico sessuale di minori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Claudio Sorrentino, addio all’attore e doppiatore: ha dato la voce a Mel Gibson, Russel Crowe e John Travolta

next
Articolo Successivo

Brasile, il Sambodromo di Rio de Janeiro diventa un centro per i vaccini Covid agli anziani

next