Ilenia Fabbri di 46 anni è stata trovata morta, stamattina, con un profondo taglio alla gola in una casa in via Corbara, a Faenza, Ravenna. A lanciare l’allarme è stata intorno alle 6 di mattina un’amica della figlia della donna, che si trovava ospite nell’appartamento e che ha chiamato l’amica dopo aver sentito dei rumori che l’aveva spinta a rifugiarsi in camera. I poliziotti sono allora intervenuti, ipotizzando un possibile furto: ma al loro arrivo, hanno trovato la porta del garage aperta e, poco più avanti, in un vano usato come cucina, hanno trovato la 46enne in una pozza di sangue. Sul posto, oltre alla squadra Mobile, gli agenti del locale Commissariato e della polizia Scientifica, sono arrivati anche il pm di turno Angela Scorza e il procuratore capo facente funzioni di Ravenna, Daniele Barberini. Si indaga per omicidio.

Secondo quanto si apprende, al momento del delitto, l’ex marito della vittima si trovava in viaggio assieme alla loro figlia: i due erano partiti dopo le 5 quando la donna era ancora viva. Tra le ipotesi al vaglio c’è anche la possibilità che la donna sia stata uccisa in seguito a un tentativo di rapina. Tra le persone informate sui fatti che verranno ascoltate dagli inquirenti, ci sono la figlia, il marito da cui si era separata, l’attuale compagno, l’amica della figlia, che ha lanciato l’allarme e alcuni tra vicini di casa e amici. L’arma con cui sarebbe stata uccisa è uno strumento da taglio, presumibilmente un coltello: gli inquirenti ne hanno già sequestrato uno per capire se possa trattarsi di quello effettivamente usato per l’omicidio. Nel frattempo altri rilievi verranno compiuti sul cellulare della vittima, già acquisito dalla Scientifica. Per quanto riguarda l’analisi delle immagini di eventuali telecamere di videosorveglianza, a una prima ricognizione il quartiere sembra esserne sprovvisto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italiana uccisa a Santo Domingo, i legali della famiglia: “Il cadavere di Claudia Lepore è stato imbalsamato, nonostante le diffide”

next
Articolo Successivo

Coppia scomparsa a Bolzano, trovato il corpo di Laura Perselli: le tappe del caso e dell’indagine

next