Tre giorni di consultazioni per Mario Draghi, premier incaricato di formare un nuovo governo dopo le dimissioni di Giuseppe Conte. Si inizia oggi alle 15.30 e si finisce sabato alle 13.15, quando il Movimento Cinque Stelle uscirà dalla sala di Montecitorio allestita per i colloqui tra l’ex numero uno della Bce e le forze politiche. All’incontro si presenteranno separati i partiti del centrodestra, attesi in tre momenti diversi. Ecco il calendario.

Oggi – Si inizia alle 15.30 con Azione, +Europa e Radicali. Mezz’ora dopo è il momento del Maie-Psi, componente del gruppo misto alla Camera. Alle 16.30 il presidente incaricato Mario Draghi riceverà invece il gruppo Centro Democratico-Italiani in Europa, quindi alle 17 c’è il gruppo Europeisti-Maie-Centrodemocratico, formatosi la scorsa settimana al Senato. Dalle 17.30 è il turno del Gruppo misto della Camera-Minoranze linguistiche, seguito da Noi con l’Italia-Usei-Cambiamo-Alleanza di Centro, componente del Misto alla Camera, e dei rappresentanti di Idea e Cambiamo del Misto al Senato.

Venerdì – Le consultazioni entreranno nel vivo venerdì. La giornata di Draghi si aprirà alle 11 con il Gruppo Per le autonomie del Senato, quindi l’ex numero uno della Bce incontrerà per 45 minuti il Gruppo Liberi e Uguali della Camera e la componente dello stesso partito che fa parte del Misto al Senato. Alle 12.45 sarà il momento di Italia Viva. Nel primo pomeriggio, alle 15, Draghi incontrerà la delegazione di Fratelli d’Italia. Un’ora più tardi toccherà al Partito Democratico, quindi sarà il momento di Forza Italia dalle 17.30 alle 18.30.

Sabato – Il giro con i partiti si concluderà quindi sabato: dalle 11 alle 12 Draghi vedrà i rappresentanti della Lega-Salvini Premier e dalle 12.15 alle 13.15 la delegazione del Movimento Cinque Stelle. A quel punto sarà chiaro qual è il perimetro delle forze politiche che andranno a comporre l’eventuale governo presieduto da Draghi, che deciderà se sciogliere la riserva, presentandosi al Colle da Sergio Mattarella con una papabile squadra di ministri prima di presentarsi a Montecitorio e Palazzo Madama per chiedere la fiducia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Consultazioni, primo giorno di colloqui tra Mario Draghi e i gruppi parlamentari: la diretta

next