Una coppia è morta nella mattinata di domenica 31 gennaio durante un’escursione in montagna sul Monte Vareno, nel Bresciano. Fabrizio Martino Marchi e Valeria Coletta stavano percorrendo un sentiero sterrato, molto frequentato anche d’estate, quando la donna è scivolata a causa del ghiaccio in un punto esposto. L’uomo ha provato a salvarla afferrandola, ma è precipitato anche lui per oltre 200 metri. Tutto davanti agli occhi della figlia di cinque anni. I due erano originari a Milano, lei 35 anni e lui 40. L’incidente è accaduto tra il Monte Vareno e lo Scanapà nei pressi del Passo della Presolana, tra le province di Brescia e Bergamo.

Con la piccola sono rimasti due amici delle vittime, anche loro testimoni dell’incidente, che hanno immediatamente allertato i soccorsi. Subito sul posto le squadre delle Stazioni Cnsas (Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico) di Breno e di Clusone a supporto delle operazioni di soccorso e recupero, avvenute con l’elicottero di Areu (Azienda regionale emergenza urgenza) decollato da Brescia. Poi sono arrivati i carabinieri, i vigili del fuoco e il Corpo volontari Presolana con l’ambulanza. L’incidente è avvenuto intorno alle 13 e i tentativi di soccorso si sono conclusi alle 16. Le salme delle due vittime, stando a quanto riferisce il Corriere, sono già state restituite ai familiari e la figlia affidata ai nonni.

A comunicare l’incidente è stato il Soccorso alpino e Speleologico su Twitter: “#Lombardia, Castione della Presolana: incidente mortale per una coppia impegnata in un’escursione su una strada sterrata. A causa del ghiaccio in un punto esposto, uno dei due è scivolato e l’altro ha tentato di salvarlo. Purtroppo entrambi sono scivolati per centinaia di metri”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Cuneo: morto Filippo Calandri, 23enne travolto da una valanga sulle Alpi della Valle Maira

next