Ancora problemi coi numeri del Covid in Regione Lombardia. Mercoledì è andato in tilt, per la seconda volta, il cosiddetto “cruscotto”, cioè la piattaforma che fornisce a sindaci e prefetti alcuni dati come il numero di positivi in ogni comune, in modo da monitorare l’andamento territoriale dell’epidemia e le quarantene dei residenti. In provincia di Milano, a Cesano Boscone il numero di positivi è passato in poche ore da 56 a 416. A Cornaredo è schizzato a 355: “Vengono ancora erroneamente conteggiati coloro che sono guariti, come da protocollo, senza il tampone negativo poiché senza sintomi e positivi da più di 21 giorni”, ha fatto notare il sindaco Yuri Santagostino. Problemi simili a Segrate, San Donato ed altri Comuni. Proprio nei giorni in cui Attilio Fontana e Letizia Moratti si ostinano a non ammettere gli errori compiuti nell’invio dei dati all’Istituto Superiore di Sanità, errori che hanno fatto finire per una settimana Regione Lombardia in zona rossa.

Il nuovo problema al cruscotto è stato risolto in giornata, ma è la seconda volta che si verifica. Diversi sindaci della provincia di Milano avevano già denunciato numeri sballati a partire dal 13 gennaio e nei giorni seguenti, proprio mentre Fontana attaccava il governo per l’assegnazione della zona rossa e preparava il suo ricorso al Tar del Lazio. Aria, la centrale acquisti della Regione che è responsabile del portale, aveva parlato di un problema in fase di risoluzione che non aveva inciso sui dati inviati a Roma, provenienti da un altro sistema informatico. Ma mercoledì di nuovo caos nei numeri. “Il problema – ha spiegato a Repubblica il direttore generale di Aria, Lorenzo Gubian – sta in un flusso di dati che possiamo definire sporchi e che può creare anomalie come quella di ieri nel cruscotto”.

Il sistema di raccolta dati, prosegue Gubian, è “collegato a più di ottanta sorgenti diverse dove convergono per esempio laboratori, Terapie intensive, pronto soccorso, i guariti delle Ats. Se uno qualsiasi di questi attori ha un problema, anche solo sul formato del dato che ci invia, questi flussi possono causare un disservizio e quei file vanno puliti e ricaricati per garantire la completezza delle informazioni”. Così i dati sballati di mercoledì dipendevano da “un errore di formattazione sulle date di nascita. Abbiamo interrotto il caricamento sul cruscotto, questo ha fatto sì che non tutti i record venissero processati, tagliando informazioni sui pazienti che in determinati casi sono ricomparsi fra i positivi”.

Il Pd attacca: “Gravissimo che questo accada mentre il presidente Fontana e la sua giunta hanno ingaggiato una battaglia politica con l’Istituto Superiore di Sanità, pur di non ammettere di aver commesso un errore”, accusa la segretaria del Pd Milano Silvia Roggiani. E il consigliere regionale Pietro Bussolati: “Da giorni ci dicono che non c’è relazione con l’errore sui dati inviati all’Istituto Superiore di Sanità, ma ciò significherebbe che sono problemi ulteriori, caos che si somma a caos. A maggior ragione, ancora una volta, chiediamo che ci diano i dati veri, grezzi e disaggregati, che si ostinano a tenere riservati: è per non far emergere ulteriori magagne?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Gimbe: “C’è riduzione di casi, ma sui vaccini forti diseguaglianze regionali. In Lombardia 51% di dosi a non sanitari”

next
Articolo Successivo

Roberta Siragusa, un’altra probabile vittima del senso di possesso

next