Alcuni milioni di dosi del vaccino anti-Covid dell’azienda Reithera di Castel Romano potranno essere somministrate da settembre. Se ne dice certo il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco, Giorgio Palù: “Sarà possibile somministrare alcuni milioni di dosi del vaccino italiano, ma non prima di settembre”, ha osservato nella trasmissione Buongiorno di Sky TG24. . Le dosi del vaccino, ha aggiunto, “potrebbero integrare la disponibilità di oltre 200 milioni di dosi che era stata messa in preventivo d’acquisto, ma che sta ritardando”.

L’annuncio dell’investimento dello Stato, attraverso Invitalia, nel capitale dell’azienda, ufficilizzato martedì, viene definito dal ministro della Salute Roberta Speranza “una scelta giusta e importante”. Dalla crisi pandemica, ha spiegato, “dobbiamo uscire più forti per garantire la salute delle persone oggi e domani”. Riferendosi sempre al vaccino di Reithera, Palù ha osservato che “è un’ottima iniziativa non solo per l’Italia, ma per molti nostri giovani che possono dedicarsi alla ricerca e trovare anche uno sbocco occupazionale”.

È un vaccino, ha aggiunto, che “nasce su una piattaforma tecnologica ideata in Italia”. C’è l’utilizzo di un virus “come vettore da un primate non umano, uno scimpanzé o gorilla”. È “la stessa piattaforma – ha specificato Palù – che utilizza AstraZeneca”. Perché il vaccino di Reithera sia disponibile, ha detto ancora Palù, “ci vorrà ancora qualche mese” perché “è stata appena conclusa la fase 1”. La fase 2-3, ha proseguito, dovrà coinvolgere “decine di migliaia di soggetti” al fine verificare efficacia e sicurezza del vaccino. Di conseguenza, ha concluso, questo vaccino “non sarà utile in questa fase critica, ma sicuramente più avanti. Inoltre avremo un’impresa italiana in grado di darci altri contributi”.

Il via libera all’accordo di sviluppo Invitalia-Reithera è arrivato il 26 gennaio: il cda di Invitalia ha approvato il contratto presentato da Reithera che finanzia un investimento industriale e di ricerca da 81 milioni di euro. “Gran parte dell’investimento, 69,3 milioni, sarà destinato alle attività di ricerca e sviluppo per la validazione e produzione” del vaccino. La restante quota (11,7 milioni) sarà utilizzata per ampliare lo stabilimento di Castel Romano, dove sarà prodotto. La preparazione della fase 2 dei test è partita martedì: nel giro di due settimane – a quanto apprende Ilfattoquotidiano.it – sarà conclusa e potranno partire i test. Se tutto procederà senza intoppi e la fase 3 porterà agli esiti sperati, a giugno potrebbe essere presentata la richiesta di autorizzazione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Vaccino Covid, la conferenza stampa sulla risposta immunitaria al ministero della Salute: la diretta

next