“Ovviamente accetto e rispetto la decisione del giudice, soprattutto per il ruolo istituzionale che ricopro, ma non posso non nascondere una certa amarezza perché c’è un sindaco che paga il gesto folle di alcuni ragazzi già condannati in appello. Quello che è accaduto è un dolore che porto con me e così lo fa la città, i processi non incidono sull’aspetto personale. Attendiamo le motivazioni ma sicuramente procederemo con l’Appello”. Così Chiara Appendino, sindaca di Torino, condannata oggi in tribunale a Torino nella sentenza di primo grado per il processo sui fatti di piazza San Carlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, la sindaca Appendino condannata a un anno e sei mesi per i fatti di piazza San Carlo: “Amarezza. Pago per gesto folle di rapinatori”

next
Articolo Successivo

Force Blue, lo yacht sequestrato a Briatore va a Bernie Ecclestone: l’amico si aggiudica l’asta per 7 milioni e 490mila euro. Tutta la storia

next