“Ovviamente accetto e rispetto la decisione del giudice, soprattutto per il ruolo istituzionale che ricopro, ma non posso non nascondere una certa amarezza perché c’è un sindaco che paga il gesto folle di alcuni ragazzi già condannati in appello. Quello che è accaduto è un dolore che porto con me e così lo fa la città, i processi non incidono sull’aspetto personale. Attendiamo le motivazioni ma sicuramente procederemo con l’Appello”. Così Chiara Appendino, sindaca di Torino, condannata oggi in tribunale a Torino nella sentenza di primo grado per il processo sui fatti di piazza San Carlo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, la sindaca Appendino condannata a un anno e sei mesi per i fatti di piazza San Carlo: “Amarezza. Pago per gesto folle di rapinatori”

next
Articolo Successivo

Force Blue, lo yacht sequestrato a Briatore va a Bernie Ecclestone: l’amico si aggiudica l’asta per 7 milioni e 490mila euro. Tutta la storia

next