Secondo un articolo di Bloomberg, Apple ha grandi piani per il prossimo MacBook Air: non solo verrà ridisegnato in modo da essere più sottile, leggero e compatto pur mantenendo il classico display da 13.3 pollici, ma vedrà il ritorno di una vecchia conoscenza: il connettore di alimentazione MagSafe,

Sin dal 2008, anno di uscita del primo MacBook Air, Apple ha continuato a “levigare” questo gioiellino entry-level in modo da renderlo sempre più snello ed elegante. L’ultimo modello, il primo con il chip Apple M1, eredita il design dal suo predecessore, mantenendo anche lo stesso peso e dimensioni. A quanto pare però la nuova versione del MacBook Air, che arriverà presumibilmente con il prossimo SoC dell’azienda, avrà finalmente un design totalmente rinnovato.

Le modifiche effettuate da Apple prevedrebbero dei bordi più stretti intorno al display (che rimarrà sempre delle stesse dimensioni) in modo da rendere più piccolo il laptop. Lo stesso Bloomberg cita due fonti (che pare abbiano le dovute conoscenze in materia) che affermano che il MacBook Air dovrebbe essere anche più sottile e leggero del modello attuale.

Da sottolineare anche il ritorno degli alimentatori con attacco magnetico, che seguono lo stile dei MagSafe già utilizzati in passato (successivamente sostituiti da Apple con gli alimentatori Type-C). Ci si aspetta che questi “MagSafe 2.0” vengano introdotti anche con la nuova linea di MacBook Pro. Siete ansiosi di mettere le mani su questi nuovi Air? Dovrete pazientare: la presunta data di uscita oscilla tra la seconda metà del 2021 e l’inizio del 2022.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook, un enorme database con i dati di 533 milioni di utenti è finito in vendita

next
Articolo Successivo

Narvalo Urban Mask, recensione: mascherina FFP3 perfetta per lo sport

next