Una piccola folla di tifosi si è riunita oggi a Reggio Emilia per celebrare il campione dell’Nba, Kobe Bryant e la figlia Gianna, scomparsi esattamente un anno fa a causa di un incidente areo. Dopo il sindaco, Luca Vecchi, ha preso la parola l’ex Patron della Pallacanestro Reggiana, oggi fra i 5 soci, Stefano Landi. “Kobe è stato un grande, è stato un numero uno. È motivo di orgoglio e di grande soddisfazione poter regalare un pezzo della nostra città a un grandissimo campione dello sport”, ha detto, raccontando poi un simpatico aneddoto sul cestista.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata della Memoria, dallo scudetto ad Auschwitz: la storia di Raffaele Jaffe, il professore che realizzò il miracolo Casale

next