Dopo la condanna a sei mesi, lo scorso 21 settembre, della sindaca di Torino Chiara Appendino la procura di Torino ha aperto un fascicolo bis del caso Ream. E nel registro degli indagati, secondo quanto riporta l’Ansa, sono stati iscritto l’ex primo cittadino del capoluogo piemontese, Piero Fassino. Il pm Gianfranco Colace ha iscritto nel registro degli indagati per il reato di turbativa d’asta, oltre all’esponente Pd, anche la dirigente del Comune di Torino Paola Virano, il presidente della Fondazione Crt Giovanni Quaglia e Antonio Miglio, all’epoca in Ream e ora i vertici della Cassa di Fossano. Il caso riguarda la vendita dell’area ex Westinghouse, lanciata nel 2012, quando la città era amministrata dal centrosinistra. La società Ream versò 5 milioni a titolo di prelazione, ma quando venne indetta la gara non partecipò e i soldi non vennero restituiti. “Ricevo oggi una informazione di garanzia relativa all’iter – conclusosi, come è noto, nell’ottobre 2013 – di aggiudicazione dell’area ex Westinghouse di Torino. Come avrò modo di spiegare e documentare, mi sono attenuto, come sempre, al rispetto delle norme in materia, agendo nell’esclusivo interesse della città” fa sapere in una nota Piero Fassino.

Nel primo filone tra gli altri imputati c’erano l’assessore comunale al Bilancio, Sergio Rolando, e l’ex capo di Gabinetto Paolo Giordana. Il giudice per l’udienza preliminare aveva condannato a sei mesi anche Ronaldo, otto mesi, invece, sono stati inflitti a Giordana. L’accusa è di abuso d’ufficio e falso in atto pubblico. Appendino, Giordana e Rolando avevano chiesto il rito abbreviato. Il direttore finanziario del Comune Paolo Lubbia, anche lui imputato, aveva invece, scelto il rito ordinario. Appendino era stata riconosciuta responsabile di una imputazione di falso ideologico, ma erano cadute due accuse di abuso in atti di ufficio e una seconda di falso.

Il caso è appunto quello dell’ex Westinghouse e di una caparra da cinque milioni che la Ream, società partecipata della Fondazione Crt, aveva versato al Comune, ai tempi della precedente giunta, per avere un diritto di prelazione sull’area interessata da un progetto di rilancio per costruire un centro congressi. Nel 2013 il progetto fu aggiudicato a un’altra società. I cinque milioni dovevano essere restituiti nel 2016. Per l’accusa l’amministrazione Appendino non avrebbe inserito nel bilancio 2017 i cinque milioni versati come caparra. Per la sindaca e l’assessore era stato chiesto un anno e due mesi, un anno per l’ex capo di gabinetto. L’indagine era stata aperta dopo un esposto dei capigruppo di opposizione. La somma, secondo l’accusa, non è stata però versata, né iscritta a bilancio ma considerata come un debito fuori bilancio.

L’ipotesi di reato nasceva da una postilla inserita nel primo bilancio firmato dalla giunta a 5 stelle e fa riferimento alla vicenda dell’ex Westinghouse. Il debito era stato ereditato dall’amministrazione di Piero Fassino, ma cancellato dal documento contabile della città. Le difese hanno sempre affermato di avere agito correttamente e nei mesi scorsi avevano consegnato ai magistrati una pronuncia della Corte dei Conti che, a loro giudizio, confortava la tesi dell’amministrazione. Da anni l’area ex Westinghouse era un grattacapo per le amministrazioni di Torino. Vicino alla stazione Porta Susa e al Palazzo di giustizia, quest’area, su cui sorgeva un’azienda di freni e componenti per i treni, doveva essere riqualificata dai primi anni Duemila. Il primo progetto, quello di costruire la sede centrale delle biblioteche civiche, era naufragato per mancanza di soldi. Il piano successivo, un enorme centro congressi, con annessi parcheggi e supermercati, era stato a lungo fermo per un ricorso al Tar. Ed è in questo ambito che nasce la vicenda Ream, per cui la sindaca Chiara Appendino, il capo di gabinetto Paolo Giordana e l’assessore al Bilancio Sergio Rolando erano stati indagati.

Al momento della gara per assegnare la progettazione e la realizzazione del nuovo complesso i concorrenti avevano dovuto lasciare una caparra. Tra questi c’era anche la Real Estate Asset Management (Ream), società di gestione di risparmio i cui azionisti sono le principali fondazioni bancarie piemontesi, che aveva versato cinque milioni di euro al Comune di Torino per il contratto preliminare. Tuttavia nel 2013 la gara viene aggiudicata dalla Amteco & Maiora srl, che firma il contratto preliminare con il Comune. A quel punto l’amministrazione (giunta Fassino) avrebbe dovuto rendere i cinque milioni di euro con gli interessi alla Ream, ma non lo ha mai fatto. La somma, però, viene registrata regolarmente nel bilancio sotto la voce “debiti” e nel 2014 la società chiede la restituzione. Per due volte, nel 2014 e nel 2015, il direttore della Direzione Territorio e Ambiente comunica alla società che i soldi verranno restituiti non appena terminate le procedure per l’aggiudicazione della concessione, ferme per il ricorso del concorrente escluso, la Nova Coop.

Nel 2016, diventata sindaca, Appendino e la sua giunta si trovano a dover affrontare la questione e a far quadrare un bilancio con grosse difficoltà. Innanzitutto deve ammettere che non può fermare il progetto (come promesso in campagna elettorale e come richiesto da alcuni comitati cittadini), pena la perdita di quasi 20 milioni di euro, preziosissimi per le casse civiche. E preziosi sono anche quei 5 milioni di euro, motivo per cui l’amministrazione vuole posticipare la restituzione. Ed è qui che sorgono i problemi. Il 22 novembre il suo capo di gabinetto, Giordana, scrive una mail alla direttrice della direzione finanze Anna Tornoni di non iscrivere nel bilancio i cinque milioni di euro: “Per quanto riguarda il debito Ream lo escluderei al momento dal ragionamento, in quanto con questo soggetto sono aperti tavoli di confronto”. Pochi giorni dopo la sindaca le manda una lettera: “Stante le trattative aperte con la Città, non è prevista la restituzione”. Tuttavia il 6 dicembre il presidente della Ream Giovanni Quaglia, eletto poi presidente della Fondazione Crt, una delle azioniste di Unicredit, torna a chiedere quel denaro, un elemento che per la procura dimostra l’assenza di trattative in corso. Per la procura, inoltre, il perfezionamento dell’aggiudicazione era avvenuto nell’autunno 2016 (il ricorso al Tar è però terminato soltanto pochi giorni fa). Il procuratore aggiunto Marco Gianoglio aveva ipotizzato quindi che a quel punto la Città avrebbe dovuto rendere quei soldi, ma non lo ha atto perché Appendino, Rolando e Giordana avevano sostenuto falsamente – secondo l’ipotesi del pm – di avere quelle trattative in corso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple, Altroconsumo chiede un risarcimento di 60 milioni di euro per “obsolescenza programmata”

next
Articolo Successivo

“Uccisa per un debito di droga”: due arresti per l’omicidio di Sonia Nacci. I pm: “Colpita con una mazzetta da muratore”

next