Pensi di proteggerti dal COVID-19 scaricando l’app Immuni per il tracciamento e invece… ti ritrovi col conto bancario svuotato. Sì, non è fantascienza ma colpa di un trojan particolarmente subdolo, chiamato Alien. L’allarme è stato lanciato da CERT-AGID, il Computer Emergency Response Team di AGID (Agenzia per l’Italia Digitale).

Alien è un trojan assai avanzato, evoluzione del precedente malware bancario Cerberus. Ma come funziona? Alcuni malintenzionati hanno messo a punto un sito falso che cerca di imitare in tutto e per tutto l’aspetto di quello ufficiale da cui è possibile scaricare l’app Immuni per Android, cercando in questo modo di ingannare quanti più utenti possibile. Questi ultimi, convinti di scaricare l’app Immuni, installeranno invece un programma che serve per diffondere Alien.

Se installata, la falsa app chiederà i permessi per operare in background e quindi l’utente non sarà consapevole delle operazioni svolte, ovviamente miranti a sottrarre tutti i dati bancari sensibili presenti sullo smartphone, come ad esempio credenziali di accesso, utilizzando anche false schermate di log-in e persino SMS fasulli per la verifica in due passaggi.

IL CSIRT (Computer Security Incident Response Team) nazionale consiglia pertanto massima attenzione e alcune regole di buon senso. Anzitutto mai scaricare niente se non dai siti ufficiali. In questo caso il falso sito Immuni presenta il seguente indirizzo Web: “it.immuni.com”, mentre l’originale è “immuni.italia.it”. Inoltre, come vi raccomandiamo sempre anche noi, mai fidarsi della richiesta di credenziali, non cliccare mai su link ricevuti via mail, SMS o instant messaging.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei Watch GT, smartwatch in offerta su Amazon con sconto del 60%

next
Articolo Successivo

Honor V40, ufficiale il primo smartphone dopo l’addio a Huawei

next