È la Gran Bretagna il Paese al mondo con il rapporto più alto tra vittime del Covid per 100mila abitanti. Un triste primato che emerge dall’analisi dei dati forniti dalla John Hopkins University e che in parte è dovuto alla massiccia diffusione del virus nel corso della seconda ondata, anche a causa della nuova variante inglese che ha fatto schizzare il numero dei positivi nel Regno e, di conseguenza, anche quello delle morti giornaliere. Nelle ultime 24 sono stati 30.004 i nuovi casi di coronavirus, mentre i decessi sono stati 610.

Nei giorni scorsi le autorità sanitarie britanniche hanno registrato un nuovo record di morti: oltre 1.800 in 24 ore, numeri mai visti nel Paese dall’inizio della pandemia, con una media settimanale da 1.240 vittime al giorno. Nonostante i confronti tra i Paesi siano imperfetti, dato che si basano sui dati di ogni singola Nazione, i 96.166 morti registrati nel Regno Unito su una popolazione di 66 milioni di persone superano di gran lunga lo stesso rapporto in altri grandi Paesi, inclusi gli Stati Uniti.

E ad accrescere la preoccupazione nel Paese sono anche le parole del professor Jonathan Van Tam, consulente del governo e vice capo della sanità inglese, con le quali ha spiegato che le persone vaccinate contro il coronavirus potrebbero comunque trasmetterlo a chi non ha ancora ricevuto il farmaco. Un’ipotesi che, se confermata, sposterebbe in avanti nel tempo la graduale eliminazione delle restrizioni da parte dei governi di tutto il mondo e non mette quindi al sicuro i cittadini che entrano a contatto con, ad esempio, il personale sanitario, tra i primi a ricevere le dosi.

In Gran Bretagna sono 5,8 milioni le persone che hanno ricevuto la prima delle due dosi di vaccino necessarie, 478.248 soltanto nella giornata di sabato, numero record dall’inizio del programma, l’8 dicembre. Tuttavia, scrive il professore in un articolo pubblicato sul Sunday Telegraph, “anche se le avete avute entrambe potreste trasmettere il Covid-19 a qualcun altro”. Il vaccino “può evitare a chi lo ha ricevuto di ammalarsi in modo grave, ma non sappiamo ancora se impedisce il contagio“.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, pugno duro contro manifestanti pro-Navalny. Lo staff dell’oppositore di Putin annuncia nuova manifestazioni

next
Articolo Successivo

Usa, con Joe Biden finisce la guerra tra scienza e politica: carta bianca a esperti, non solo sul Covid. “Sforzo più grande dall’era Roosevelt”

next