Sono quasi 2mila e per la precisione 1.955, i manifestanti fermati finora nelle proteste in Russia contro l’arresto dell’oppositore Alexiei Navalny: lo sostiene l’ong Ovd-Info, che registra 681 fermi a Mosca e 274 a San Pietroburgo. Le proteste si svolgono in 70 città della Russia dopo che in centinaia si sono dati appuntamento su TikTok per scendere in piazza per chiedere la liberazione di Navalny. Le mobilitazioni non hanno però l’autorizzazione delle autorità, che avevano promesso di usare le maniere forti, schierando la polizia. Dalla città di Khabarovsk, nell’estremo est, attivisti hanno condiviso video che mostrano poliziotti che picchiano manifestanti, poi spinti su furgone.

Gli Stati Uniti hanno chiesto “alle autorità russe di rilasciare tutte le persone detenute per aver esercitato i loro diritti universali”. A comunicarlo è il portavoce del dipartimento di Stato Ned Price, chiedendo anche il rilascio “incondizionato” dell’oppositore russo. Gli Usa hanno inoltre condannano i “metodi brutali” delle autorità russe contro i manifestanti. La Farnesina ha espresso attraverso Twitter la sua preoccupazione per l’evoluzione della situazione. Nel Tweet si legge “La Farnesina segue con preoccupazione l’arresto di centinaia di manifestanti scesi in piazza in diverse città russe per richiedere la liberazione di Navalny. Continuiamo a chiedere il suo rilascio immediato e ci aspettiamo che vengano rispettati i suoi diritti”.

“Scendete in piazza, è di questo che hanno paura. Non fatelo per me, ma per il vostro futuro”, aveva detto il leader dell’opposizione russo e rivale numero uno di Vladimir Putin, Alexiei Navalny nel momento del suo arresto, appena rientrato in patria dopo esser sopravvissuto a un tentativo di avvelenamento, rivolgendosi ai suoi sostenitori.

Circa in due mila si sono radunati nella capitale dell’estremo oriente Vladivostok, 500 nella città siberiana di Irkutsk, 300 a Chita, sempre in Siberia, dove una piccola protesta ha avuto luogo anche a Yakutsk, sfidando le temperature rigide (il termometro segna meno 50 gradi). “Siamo forti” e “Putin è un bugiardo“, sono tra gli slogan portati in piazza dai manifestanti. A Mosca c’è anche Yulia Navalnaya. “Che gioia, siete tutti qui! Grazie!”, ha scritto sul suo account Instagram la moglie dell’oppositore arrestato domenica scorsa al suo rientro in Russia dalla Germania. Una didascalia a un selfie, scattato alla protesta in sostegno del marito, in cui è davvero difficile riconoscerla, fra mascherina blu e cappello nero. Nelle ultime ore la polizia ha trascinato in commissariato diversi collaboratori e sostenitori di Navalny, tra cui la sua portavoce, Kira Yarmysh, condannata a nove giorni di reclusione.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Uk altri 40mila contagi e 1.400 morti. Biden: “In Usa ci saranno almeno 600mila vittime”. Macron: “Restrizioni per almeno altri 6 mesi”

next
Articolo Successivo

Sostenitori di Navalny in piazza, a Vladivostok arrestati alcuni manifestanti. Proteste contro Putin in diverse città della Russia

next