“Ci trattavano come animali. Vogliamo un contratto vero e un’assicurazione”. Efousa e Rez sono due rider nigeriani che hanno lavorato per Uber Eat. Oggi a Milano, insieme ad altri diciannove loro colleghi, sono stati ammessi come parti civili nel processo per caporalato che vede tra gli imputati l’ex manager di Uber Italy Gloria Bresciani e i vertici della società di intermediazione Flash Road City. Le indagini guidate dal pm Paolo Storari avevano scoperto un sistema che gli stessi imputati definivano “per disperati”. “Tre euro a consegna, non importava quanti chilometri facevi – racconta uno dei rider uno dei rider prima di entrare in Tribunale – e se ti rifiutavi ti toglievano dal sistema”. Punizioni che prevedevano “un’arbitraria decurtazione, il cosiddetto malus, del compenso pattuito” fino ad arrivare al blocco dell’account e i rider venivano “derubati”delle mance che i clienti lasciavano. “In tal modo i riders venivano sottoposti a condizioni di lavoro degradanti – si legge nelle carte dell’accusa – con un regime di sopraffazione retributivo e trattamentale, come riconosciuto dagli stessi dipendenti Uber”. E così Uber Italy, dopo il commissariamento,è stata citata dal gup Teresa Di Pasquale come responsabile civile. “Siamo soddisfatti che al momento siano i tribunali a mettere una pezza sul tema rider mentre fino ad adesso il governo e la politica non ha risolto la questione” spiega l’avvocato Giulia Druetta che insieme ai colleghi Gianluca Vitale, Laura Martinelli, Sergio Bonetto e Maurizio Riverditi segue i rider. Dopo la firma dell’accordo definito “pirata” tra le piattaforme del delivery e l’Ugl, i lavoratori continuano a chiedere un cambio di passo. “Bisogna riportare la questione dei rider alla normalità – conclude l’avvocato Druetta – bisogna che siano pagati in maniera dignitosa secondo i contratti collettivi e che gli sia garantita la sicurezza sul lavoro”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Successivo

Ex Ilva, Arcuri nella fabbrica ArcelorMittal di Genova: “Lo Stato cura tutti gli stabilimenti, si punti ad acciaio sempre più verde”

next