Per il secondo giorno di fila la Gran Bretagna fa registrare un nuovo record di vittime giornaliere causate dal coronavirus. Sono 1.820, contro i 1.610 di ieri, i decessi delle ultime 24 ore. Il Paese è alle prese con una variante più aggressiva del virus che il lockdown nazionale sta solo lentamente frenando e che fa sentire ora i suoi effetti sui decessi a un paio di settimane dai picchi sui contagi. Sono invece quasi 39mila i nuovi casi certificati su quasi 580mila test. Ma un altro paese che oggi registra un record negativo è la Spagna, che nelle ultime 24 ore ha contato 41.576 nuovi casi, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Il 7 gennaio, nota El Pais, il numero era di 42.360 ma includeva anche i dati del giorno precedente.

I Paesi Bassi si apprestano a imporre, da domani, il coprifuoco tra le strette che saranno annunciate oggi in tutto il Paese per limitare la circolazione del coronavirus, secondo quanto riportano i media locali. Si tratta della prima volta che un provvedimento del genere viene intrapreso dalla Seconda Guerra Mondiale. Alcune fonti hanno riferito all’emittente Nos che i ministri stanno discutendo sulla misura che dovrebbe partire dalle 20.30 fino alle 4.30 del mattino. Sul tavolo anche altre restrizioni alle visite domiciliari, nuove limitazioni al numero delle persone ai funerali e un potenziale divieto di volo dalla Gran Bretagna e dal Sudafrica per i timori legati alle varianti del virus. Il premier Mark Rutte ha dichiarato che “nessuno lo vuole. È una misura severa. Nessuno sta esultando. Il divieto arriverà solo se la Camera dei rappresentanti sarà d’accordo”.

In Portogallo 13mila elettori che si trovano in quarantena o nelle residenze per anziani potranno votare alle prossime elezioni Presidenziali, in programma per domenica, grazie ai volontari venuti a ritirare la loro scheda elettorale porta a porta. “Dobbiamo combattere la pandemia ma non possiamo sospendere la democrazia”, ha detto il sindaco di Loures, Bernardino Soares. L’operazione, senza precedenti, rappresenta “uno sforzo logistico molto complicato” e “tutto è stato organizzato all’ultimo minuto”.

La Francia ha fatto sapere che “una riapertura degli impianti di risalita a metà o a fine febbraio sembra altamente improbabile”, come dichiarato dal sottosegretario al Turismo, Jean-Baptiste Lemoyne. Il sottosegretario ha aggiunto che “ci si orienta verso una ‘stagione bianca’”, senza sci alpino. Parigi ha inoltre fatto sapere che “la Francia è favorevole ad istituire controlli sanitari alle frontiere interne fra stati europei” per far fronte al pericolo delle varianti Covid, ha detto il portavoce del governo, Gabriel Attal. “Ci sono domande che possono essere poste sulle frontiere in seno all’Ue e sarà l’oggetto delle discussioni che si svolgeranno domani nel quadro del Consiglio europeo. La Francia è favorevole ad istituire controlli sanitari appena possibile e a far avanzare su questo punto il coordinamento europeo”.

Intanto a Pechino, dove sono stati isolati i primi casi di variante inglese nel Paese, i cinque quartieri interessati sono stati posti in lockdown. I casi nel distretto di Daxing, dove sorge il nuovo aeroporto internazionale, sono stati “considerati come varianti del nuovo coronavirus scoperto nel Regno Unito”, ha affermato il capo dell’autorità sanitaria di Pechino, Pang Xinghuo. In tutto, la stretta coinvolge 1,7 milioni di persone che si vanno ad aggiungere alle altre già colpite da nuove misure in diverse province cinesi. “I casi rilevati a Daxing hanno lanciato l’allarme che la situazione epidemica è dura e complessa – ha affermato Xu Hejian, portavoce della municipalità, in conferenza stampa – Non possiamo allentare sulla prevenzione dei casi importati e sul rimbalzo domestico”. Pechino ha già esteso a 28 giorni il periodo di restrizioni a chiunque arrivi dall’estero, di cui 14 di quarantena in strutture centralizzate.

Ai residenti di cinque complessi di appartamenti di Daxing sarà impedito di lasciare le proprie abitazioni a partire da oggi, ha riferito il governo locale, mentre agli studenti di tutto il distretto è stato detto di rimanere a casa. Molti luoghi pubblici, inclusi uffici, hotel, ristoranti, fabbriche e supermercati, sono stati chiusi mentre i residenti di Daxing sono stati sottoposti a test di massa.

Germania – Sono ormai più di 48.000 i decessi a causa della pandemia di coronavirus. I dati dell’Istituto Robert Koch parlano di altri 1.148 morti e 15.974 nuovi casi di Covid-19.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Joe Biden ha giurato: è il 46° presidente degli Stati Uniti. “Aiutatemi a unire l’America, c’è molto da ricostruire. Il mondo ci guarda”. Trump lascia la Casa Bianca ma promette: “Torneremo, in qualche modo”

next
Articolo Successivo

Stati Uniti, Trump lascia la Casa Bianca e avverte: “Torneremo, in qualche modo” – Video

next