All’inizio dello scorso anno, a Seul, l’annuncio del Plan S, la strategia a lungo termine che guarda al 2025; dopo un anno, l’annuncio del cambio di direzione, quello che ha portato Kia Motors Corporation a “semplificare” la dicitura e diventare ufficialmente Kia Corporation.

A gennaio 2020 il costruttore coreano aveva infatti anticipato “un passaggio progressivo e determinato di Kia da un sistema aziendale incentrato sui veicoli a motore a combustione interna a un modello sempre più focalizzato su veicoli elettrici e soluzioni di mobilità personalizzate”. Quel passaggio è stato ufficializzato a distanza di 12 mesi con un cambio di logo, di slogan (“Movement that inspires”) e la notizia dell’arrivo del primo crossover elettrico, di nuova generazione e su piattaforma E-GMP, con oltre 500 chilometri di autonomia (entro il primo trimestre del 2021).

“Il movimento è sempre stato al centro dell’attenzione del nostro marchio e la mobilità delle persone al centro della nostra attività” ha affermato Artur Martins, Senior Vice President, Head of Global Brand & Customer Experience di Kia, per spiegare la decisione dell’azienda di diventare a tutti gli effetti un fornitore di soluzioni di mobilità: una mobilità di tipo sostenibile, che entro il 2027 si avvarrà di sette nuovi modelli a batteria costruiti sulla nuova piattaforma modulare E-GMP prodotta da Hyundai.

Incrementando e diversificando la nuova gamma di BEV, a Seul puntano ad avere entro il 2025 una quota del 6,6% del mercato globale dei veicoli esclusivamente a trazione elettrica, e vendite annuali globali di 500 mila unità entro il 2026.

Una seconda tipologia di piattaforma, flessibile, che in Kia chiamano “skateboard”, andrà invece a servire per la gamma di veicoli commerciali cosiddetti PBV, ovvero Purpose-Built Vehicles, cioè veicoli prodotti in risposta alle specifiche necessità di flotte e aziende. Questo a ribadire quanto in Kia sia forte la spinta a voler conquistare una leadership nel mercato dei servizi di mobilità, diversificando quanto più possibile la propria produzione in funzione delle esigenze dei clienti a livello globale. Con un’unica parola d’ordine, però: elettrico.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renault, presentato il nuovo piano strategico firmato da Luca de Meo

next
Articolo Successivo

Mercato auto Europa, è stato un 2020 da incubo. Immatricolazioni a -24,3%

next