Era stato anche arrestato nel 2012 Paolo Macchiarini, il chirurgo considerato un luminare dei trapianti di trachea, assolto definitivamente in Cassazione, insieme ad altri tre colleghi, dall’imputazione di falso, l’unica rimasta in piedi. La sentenza della Suprema corte, di cui riferisce oggi La Nazione, è arrivata venerdì scorso e chiude l’intricata vicenda giudiziaria che aveva avuto al centro il celebre chirurgo, oggi 62enne, il primo al mondo a effettuare un trapianto di trachea: originario di Viareggio (Lucca), una carriera costruita fuori dall’Italia, era poi rientrato nel 2010 per lavorare all’ospedale fiorentino di Careggi.

Due anni dopo, l’inchiesta della procura di Firenze: i pm lo accusavano di aver consigliato ai pazienti di farsi operare privatamente e di aver modificato anche le liste di attesa. Tentata truffa, tentata concussione, peculato, abuso d’ufficio e falso i reati che gli erano stati via via contestati. Con lui, indagati a vario titolo anche altri medici, una caposala e due direttori di Careggi: tutti poi assolti nel corso di questi anni.

Un “viaggio agli Inferi” lo definisce il medico “nove anni di agognata e sofferta attesa, come nove i gironi dell’Inferno dantesco che naturalmente non vede soltanto me attore principale di questo viaggio ma anche altri colleghi e operatori dell’Azienda di Careggi di Firenze – dice il chirurgo – Tre sono gli anni di operatività svolti presso l’ospedale di Careggi che sono bastati ad infangarmi e destabilizzarmi sia come uomo sia come chirurgo. E a crearmi un esilio subendo una gogna mediatica strategica in quanto metodica, sistematica, violenta e persecutoria”.

Foto archivio

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violentò una donna in strada a Milano, autore identificato dopo 14 anni grazie alla Banca dati del Dna

next
Articolo Successivo

Tunisia, dieci anni dopo la rivoluzione la giustizia si fa ancora attendere

next