Secondo quello che è emerso nel processo picchiò un detenuto nella sua cella umiliandolo anche con l’obbligo di spogliarsi. Con queste accuse un agente di polizia penitenziaria è stato condannato con rito abbreviato dal tribunale di Ferrara a 4 anni per tortura e lesioni personali. Per i pm l’agente, 51 anni, all’epoca (settembre 2017) in servizio nel penitenziario della città emiliana, agì “con crudeltà e violenza grave“. Il pm Isabella Cavallari, riportano i quotidiani locali, aveva chiesto una pena di 3 anni e mezzo. E’ la prima sentenza in Italia che riconosce il reato di tortura, introdotto proprio nel 2017. Dopo l’aggressione il detenuto, che sta scontando una condanna per omicidio e in questo processo assistito dall’avvocata Paola Nenfenati, fu trasferito nel carcere di Reggio Emilia. Nella stessa udienza in cui è stato condannato l’agente il giudice ha deciso anche il rinvio a giudizio per altri due agenti e un’infermiera, accusata di falso e favoreggiamento.

La sentenza di oggi è sottolineata dal commento del presidente dell’associazione Antigone Patrizio Gonnella: “Non si gioisce mai per una condanna e non gioiamo neanche in questo caso, ma affermiamo comunque che la decisione di oggi ha un sapore storico – dichiara – La tortura è un crimine orrendo, inaccettabile in un Paese democratico. La condanna seppur in primo grado, mostra come la giustizia italiana sia rispettosa dei più indifesi. Si tratta di una sentenza che segnala come nessuno è superiore davanti alla legge. La legge vale per tutti, cittadini con o senza la divisa. E’ questo un principio delle democrazie contemporanee”. Il presidente di Antigone ha poi sottolineato che “fortunatamente ora esiste una legge che proibisce la tortura. In passato fatti del genere cadevano nell’oblio. E’ importante che tutti gli agenti di polizia penitenziaria si sentano protetti da una decisione del genere, che colpisce solo coloro che non rispettano la legge”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taranto, morì a 5 anni di cancro al cervello: 9 dirigenti ex Ilva indagati per omicidio colposo. “Malattia causata da polveri dell’acciaieria”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, nuova accusa della procura: “dolo” nella mancata sostituzione dei sensori per il monitoraggio del viadotto

next