“Possiamo mirare a una produzione di 100 milioni di dosi all’anno e opportunamente formulato il vaccino è stabile a una temperatura tra 2 e 8 gradi”, così Antonella Folgori, presidente della biotech ReiThera, a margine della presentazione dei dati della fase 1 della sperimentazione clinica di GrAd-CoV-2, il candidato vaccino italiano, svoltasi all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani e al Centro Ricerche Cliniche di Verona. Folgori ha spiegato che si tratta di “un vaccino pensato, ideato e prodotto in Italia, con un sistema che garantisce all’Italia di essere preparata per successive emergenze”. Per poter andare avanti, però, è necessario un investimento importante: “Arrivare a fase 3? Reithera non può farlo da sola, bisogna condividere un rischio – ha continuato Folgori – Ora servono altre risorse, speriamo continui questo percorso di collaborazione con le istituzioni. Lo stato che entrerà nella società è una delle modalità”, spiega. In futuro con investimenti e l’allargamento dell’officina di manifattura “potremmo produrre anche 10 milioni di dosi al mese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alto Adige, nelle scuole arrivano i cani anti-Covid: “Distinguono i positivi dai sani” – Video

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, siringhe “sbagliate” inviate in Piemonte, Lombardia e Liguria? Non sono inutili: servono per la diluizione

next