L’attaccante del Napoli Victor Osimhen è risultato positivo al coronavirus di rientro dalle vacanze di Natale. A dare la notizia lo stesso club che sui social, l’1 gennaio, ha spiegato che Osimhen “è risultato positivo al tampone naso-faringeo molecolare effettuato ieri pomeriggio al suo rientro dall’estero”, ma assicurando che il calciatore “è asintomatico e non ha incontrato il gruppo squadra”. Il 22enne di origini nigeriane già da oltre due mesi era “in panchina” a causa di un brutto infortunio alla spalla avvenuto durante una partita della nazionale nigeriana contro il Sierra Leone. Ma ora la sua discesa in campo sembra ancora più lontana. Il giocatore era arrivato in patria dal Belgio, dove aveva passato la convalescenza post-infortunio, e poi direttamente dalla Nigeria all’Italia.

A far discutere, però, oltre alla lunga assenza dal campo, sono soprattutto alcune immagini apparse sui social e risalenti, con ogni probabilità, al giorno del compleanno del giovane: il 29 dicembre. Osimhen avrebbe partecipato a una festa in Nigeria: dalle immagini si vedono decine di persone ballare senza mascherina né distanziamento e lanciare banconote. Le immagini, cancellate dall’account del cantante presente alla festa che le ha diffuse per primo, Golden Michael, hanno fatto il giro dei social scatenando l’ira dei tifosi.

Ora è quasi certo, come riporta la Gazzetta, che Osimhen andrà incontro a una multa da parte del club, viste le rigide regole anti-Covid che tutti i giocatori sono tenuti a seguire. C’è già chi parla di una cifra: 250mila euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, oltre 83 milioni di casi nel mondo. In Francia coprifuoco anticipato alle 18. Oltre 23mila contagiati in 24 ore in Germania

next