“Ora ci pensi tu” ha detto Gregg Popovich, allenatore dei San Antonio Spurs, puntando il dito verso la sua vice, Becky Hammon, a 4 minuti dalla fine del secondo quarto del match Nba contro i Los Angeles Lakers. Così, il 30 dicembre, a scendere in campo come allenatrice per la prima volta nella storia dell’Nba è stata la 43enne ed ex cestista Hammon, che a fine gara ha commentato: “È stato un momento importante, non ho avuto tempo per riflettere”.

Una “prima volta” dovuta all’espulsione dal campo dell’allenatore Popovich, punito per aver protestato durante la gara. Il match è finito 121 a 107 per i Lakers, ma i riflettori puntati su LeBron James, che nel giorno del suo 36esimo compleanno si è regalato la millesima partita consecutiva in doppia cifra, non hanno oscurato comunque l’esordio della Hammon, che – nonostante avesse già sostituito Popovich – non lo aveva mai fatto durante una partita ufficiale. E prima di lei, nessun’altra donna nel mondo dell’Nba.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da Pietro Anastasi a Gigi Simoni, da Mariolino Corso a Pablito Rossi: il 2020 ha cancellato un pezzo di storia del calcio italiano

next