Muniti di bandiere e cartelli si sono riuniti in presidio di fronte al negozio della catena di abbigliamento Zara in via Appia a Roma, per protestare contro il trasferimento di quattro addetti alle pulizie di un’azienda appaltatrice della multinazionale. In seguito all’annuncio della chiusura di due punti vendita di Zara nella Capitale, ai lavoratori è stata infatti inviata una lettera di trasferimento verso altre città d’Italia a centinaia di chilometri da Roma. “Il trasferimento per noi è un licenziamento mascherato – dichiara Massimo Civitani, funzionario sindacale di Si Cobas a Roma – molti hanno famiglia e figli e non possono spostarsi a Bari, Napoli o Catania, dove sono stati trasferiti. Quello che temiamo – aggiunge – è che queste siano solo le prime avvisaglie di una situazione che peggiorerà molto e toccherà molti più lavoratori nel corso del prossimo anno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Covid, l’ipotesi di Ichino: “Il datore di lavoro può licenziare se un dipendente si rifiuta di farlo. Lo dice il codice civile”

next
Articolo Successivo

I lavoratori Whirlpool Napoli ad aprile saranno licenziati. Presentato il loro calendario 2021: i proventi a un fondo per aiutarli

next