Da quando è iniziata la pandemia, le persone che si sono rivolte all’Antoniano di Bologna per avere un aiuto, un pasto caldo o una mano con la spesa o a pagare l’affitto o le bollette, sono aumentate del 50%. “Ogni giorno la nostra mensa ospita 150 persone”, racconta il direttore della struttura, frate Giampaolo Cavalli. “Molte sono persone che vivono di espedienti e con poche risorse e che questa crisi ha messo ulteriormente alla prova. Ci sono le file fuori dalla porta, perché non riusciamo a ospitarli tutti dentro, non c’è posto”. Ci sono anche molte famiglie in difficoltà, genitori che hanno perso il lavoro a causa della crisi economica e che hanno deciso di chiedere aiuto. Come Alessandra, mamma di una bambina con disabilità, la cui famiglia al momento è sostenuta da Antoniano. “L’ultimo anno è stato molto difficile, soprattutto per mia figlia che non ha potuto fare logopedia e psicomotricità. Anche il lavoro è stato altalenante. Ci sono tante famiglie come noi, molte si vergognano – racconta – ci sono tante storie diverse. Persone sfrattate e persone che non sanno cosa mettere in tavola ai figli. E questa cosa fa male. Qui ci aiutano in tanti modi, dalla bolletta al cibo”. E poi c’è chi è arrivato come ospite ed è rimasto come panettiere: è la storia di Johnny, che ora lavora per la mensa della struttura. ” Con il Covid le persone Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono più di trecentomila i pasti caldi serviti nelle 15 mense del progetto solidale dell’Antoniano. Il 45% in più rispetto allo scorso anno. A Natale verranno consegnate anche 60 ceste: “Sarà una giornata di festa anche per queste famiglie”.

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, tra i volontari di Pane Quotidiano che donano 3500 pasti al giorno: ‘Non solo anziani, ora tanti giovani disoccupati. È crescita costante’

next
Articolo Successivo

Roma, nella falegnameria solidale che dà nuova vita agli alberi caduti per il maltempo: “Con il ricavato sosteniamo persone senza lavoro”

next