La “variante inglese” del Covid-19 preoccupa anche le borse. Una doccia gelata dopo che la messa a punto del vaccino aveva diradato le nebbie. Probabile che il vaccino sia efficace anche contro questo ceppo ma il permanere di un qualche margine di incertezza e le nuove misure restrittive precauzionali adottate ieri rallentano il cammino verso una piena ripresa dell’economia.

Londra ha chiuso in calo dell’1,7% ma a soffrire è stata anche la sterlina scesa di quasi l’1,4% sul dollaro e dell’1% sull’euro. Sul listino londinese crollano le compagnie aeree, British Airways (Iag) finisce a – 8%, Easyjet a – 7,2%, Ryanair a – 5%. La peggiore piazza europea è stata però Francoforte che ha archiviato la seduta con un meno 2,8%, seguita da Milano (- 2,6%) e Parigi (- 2,4%). La sintesi delle difficoltà europea si legge anche nel deprezzamento dell’euro che chiudo in calo dello 0,16% sul dollaro a 1,223 ma che nel corso della mattinata era arrivato a cedere lo 0,7%. Sintesi ancora più ampia si trova nel – 3,5% del petrolio, spinto al ribasso sui timori di un ulteriore rinvio della ripresa e da nuove restrizioni per le compagnie aeree, grandi consumatrici di carburante. Il greggio ha trascinato al ribasso i titoli collegati, non a caso tra i peggiori a piazza Affari ci sono Eni (- 4.3%) e Saipem (- 3,9%). Solo tre i titoli che hanno chiuso la seduta con il segno più: Cnh (+ 1,1%), Diasorin (+ 0,6%) e Fineco (+ 0,1%).

Soffre meno Wall Street Giornata non entusiasmante al di là dell’Atlantico con indici correggono i cali della mattinata e che a metà seduta oscillano intorno alla parità. Il Nasdaq perde lo 0,2%, il Dow Jones guadagna lo 0,1%. Questo nonostante il nuovo maxi piano di sostegni all’economia che il Congresso vota nel pomeriggio dopo l’accordo raggiunto nella notte. Il piano vale complessivamente 900 miliardi di dollari. Tra i provvedimenti, 82 miliardi di dollari per l’scuola e istruzione, 15 miliardi per le compagnie aeree, un assegno di 600 dollari per i cittadini e uno stanziamento di 300 dollari a settimana per chi fa richiesta del sussidio di disoccupazione.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Alitalia: dipendenti dimezzati, 52 aerei, attenzione ai conti e un partner il prima possibile. Sindacati in rivolta

next
Articolo Successivo

La borsa italiana chiude il 2020 a meno 5%. Capitalizzazione complessiva a 607 miliardi, Intesa Sanpaolo il titolo più scambiato

next