Che figata salvare vite umane mentre gli sciacalli che non hanno mai tenuto la mano a un malato sparano cazzate in televisione”. Questo testo, così curato nella forma, è del professor Alberto Zangrillo, primario anestesista al San Raffaele e medico personale di Silvio Berlusconi. Se è il linguaggio che svela l’uomo (“dimmi come parli e ti dirò chi sei”) allora siamo già alla top ten. Perché l’uomo in questione ci comunica, rinfrancato dalla “figata” di aver salvato la vita a un paziente, che in giro ci sono vari “sciacalli” travestiti da scienziati. Sarebbero suoi colleghi, se non fosse che Zangrillo medesimo ci garantisce il contrario e ci assicura che non solo “non hanno mai tenuto la mano a un malato”, ma “sparano cazzate” a raffica e per di più in televisione.

L’eccellenza scientifica, nella fluida esposizione zangrillesca, è visivamente riunita in un club di coglioni e purtroppo per noi anche parecchio stronzi. In definitiva sciacalli. L’intento supponiamo che sia pieno di buone intenzioni. Il professore infatti tenta, filologicamente, di separare il grano dal loglio, e contribuire alla buona sanità indicandoci per tempo i rischi che corriamo. Qui non c’è di mezzo solo il Covid e Zangrillo medesimo ci esorta a mantenere un rigido distanziamento quando, per disgrazia, dovessimo ricorrere alle cure ospedaliere e per sovrammercato dovessimo riconoscere tra i curanti qualcuno visto in tv.

Zangrillo ci garantisce che non potrebbe mai succedere perché gli “sciacalli” sono medici per modo di dire, scienziati senza clinica, chirurghi senza bisturi. Non è affatto detto però che presto sempre Zangrillo – dopo essersi consultato con Ippocrate – non pubblichi la lista dei medici cazzoni che sparano cazzate, e lo faccia parlando – per la virtù dell’empatia lessicale – proprio nel modo di un cazzone che spara cazzate.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La passione per la lagna ai tempi del coronavirus. Solo chi parla ha sempre ragione

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, De Luca salta la fila: l’idea che il potere conceda l’esercizio dell’abuso

next