Si discute di un’eventuale imposta patrimoniale straordinaria. Alcuni, fra cui il Fatto Quotidiano, ne propugnano una del 2% sui patrimoni dai 50 milioni di euro in su.

In effetti già la sola parola patrimoniale provoca in molti grande preoccupazione e in alcuni reazioni veementi. Eppure tantissimi italiani, anche con disponibilità molto inferiori, se le lasciano alleggerire facilmente del 2% ogni anno, senza battere ciglio. Per giunta non a vantaggio delle casse dello Stato!

Il 2% annuo è infatti l’ordine di grandezza di quanto viene mediamente raschiato via dall’industria parassitaria del risparmio gestito e della previdenza integrativa. Ovviamente è impossibile una misurazione col bilancino di quanto sottraggono in vari modi ai loro sventurati clienti, ma da numerosi studi si ricava appunto il 2% annuo come ordine di grandezza. Risultano infatti annualmente costi pari a:

Lo stesso Sole 24 Ore ammette costi medi “complessivamente dall’1,5 al 2,5%, ma con picchi molto più elevati per prodotti via via più complessi” (Marcello Frisone, «Nelle performance finali pesano i costi impliciti», in Plus24, 14-10-2019).

Eppure molti italiani si preoccupano di un’eventuale patrimoniale, anziché del salasso continuo che anno dopo anno subiscono i loro risparmi. Salasso che possono facilmente interrompere, smobilizzando tutti i fondi comuni, sospendendo ogni versamento in fondi pensione e polizze e riscattando tutto quanto possono riscattare.

Al danno si aggiunge poi la beffa. Impiegati di banca e sedicenti consulenti finanziari agitano lo spauracchio di un nuovo prelievo sui conti correnti, tipo quello dello 0,6% del governo Amato. Spacciando per concreto un rischio attualmente inesistente, li convincono a sottoscrivere i loro prodotti e così gli portano via molti più soldi di ogni fantomatica patrimoniale.

________________________________

Contro la crisi Covid sì a un contributo del 2% per ricchezze superiori a 50 milioni. Firma la petizione de ilfattoquotidiano.it – FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili