“La soluzione è questa: dal 19 – cioè da sabato – al 6 di gennaio abbiamo messo in piedi una soluzione epidemiologica e di natura imprenditoriale che tiene un suo equilibrio. Ovvero la chiusura dei confini comunali dalle ore 14.00 mantenendo inalterate tutte le attività produttive e commerciali”, così il presidente del Veneto, Luca Zaia, in conferenza stampa, annunciando che il provvedimento sarà firmato nelle prossime ore, anticipando, di fatto, le ipotetiche misure di Natale al vaglio del governo. “Cioè chi ha una serranda non la abbassa – spiega il governatore – Però ci sarà una novità se chiudiamo i confini comunali: che dalle 2 del pomeriggio in poi si lavora solo con i cittadini della propria città. Così si distribuisce anche il flusso commerciale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Niente: a Renzi piace lasciarci nel dubbio

next
Articolo Successivo

Crisanti: “In Veneto uso inappropriato dei test rapidi, non da barriera ma da gruviera. Natale? Sì a zona rossa in tutta Italia ma con negozi aperti”

next