Sei persone, tra cui tre avvocati e una dipendente del Tribunale di Bari, sono state arrestate con l’accusa di aver truffato la Regione Puglia: nel mirino della Guardia di Finanza sono finiti i compensi legali pagati dalla Regione per migliaia di contenziosi sugli indennizzi in agricoltura dal 2009 al 2016. L’operazione, denominata “Leguleio“, nasce da una denuncia presentata nel maggio 2018 dal governatore della Puglia, Michele Emiliano: agli indagati, complessivamente 21, il procuratore di Bari Roberto Rossi e il sostituto Francesco Bretone contestano, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari, interruzione di pubblico servizio, truffa ai danni dello Stato, truffa aggravata ai danni della Regione, diverse condotte di falso relative ad autenticazione di firme, firme false di persone decedute, falsi domicili, riciclaggio e autoriciclaggio.

Agli arresti domiciliari sono finiti l’avvocato Michele Primavera e il figlio Enrico Domenico, gli avvocati Oronzo Panebianco e Assunta Iorio. Arrestati anche Oronzo Pedico, presidente della sede provinciale di Asso-Consum di Barletta e Giuliana Tarantini, dipendente pubblico in servizio presso l’esecuzione mobiliare del Tribunale di Bari. Il gip Giovanni Abbattista ha disposto l’interdizione per sei mesi nei confronti di un’altra avvocatessa, Francesca Fiore. La Guardia di Finanza ha sequestrato anche beni per un valore di oltre 22,3 milioni di euro, importo corrispondente al valore delle truffe in questione. Agli atti ci sono intercettazioni telefoniche e ambientali, verbali di persone informate sui fatti, documenti acquisiti negli studi legali, a casa degli indagati e in Tribunale.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antitrust apre indagine sull’aumento dei prezzi dei treni nel periodo natalizio: “Motivare i criteri utilizzati”

next
Articolo Successivo

Caso Genovese, la 18enne vittima di violenza: “Ero sveglia, ma completamente andata. Dopo un po’ ho capito che davvero ero in pericolo”

next